In giro per l’Italia – Amore e morte presso la Rocca di Gradara

“Amor condusse noi ad una morte” – concludeva così, Francesca da Rimini, la sua presentazione al Sommo Poeta. Nel V Canto dell’Inferno, Dante Alighieri presenta al lettore una delle storie d’amore più belle della letteratura italiana: l’amore infedele di Paolo Malatesta e Francesca da Rimini. Dove si consumò la passione dei due amanti e dove furono uccisi dal marito – fratello tradito? I critici letterari e gli storici hanno a lungo discusso per capire in quale Palazzo malatestiano fu consumato il delitto d’onore, legittimo per l’epoca. Con molta probabilità la tomba di quell’amore intenso e infelice fu a Gradara, oggi meta per molti innamorati nel giorno di San Valentino. Il colle di Gradara deve il suo nome alla ‘grata aura’ (aria buona) che offre ai visitatori, tra Marche e Romagna, luogo di delizie e dal panorama suggestivo tra mare e monti. Il castello ospitò le principali famiglie dell’epoca rinascimentale  e medioevale: Malatesta, Sforza, Borgia, Della Rovere e fu teatro di eventi storici. Fin dal 1937 la fabbrica fu location per le riprese di alcuni films. Nel 1950 vi fu, non a caso, ambientato “Paolo e Francesca” di Raffaello Matarazzo, nel 1983 e 1985 fu il set di “Stesso mare stessa spiaggia” di Angelo Pannacciò e “Yesterday – Vacanze al mare” di Claudio Risi.  Il Palazzo è attualmente di proprietà dello Stato italiano e dal dicembre 2014 fa parte dei beni gestiti dal Polo Museale delle Marche ed è diventato uno dei monumenti più visitati della Regione.

Giuseppina Rita De Stefano – © Diritti Riservati MN24