Il porto di Salerno raggiunge l’eccellenza nel traffico rotabile

Si consolida ulteriormente l’eccellenza del porto di Salerno nel traffico rotabile. A confermarlo sono i dati resi pubblici in questi giorni dall’Autorita’ Portuale del Mar Mediterraneo Centrale: nel primo semestre del 2019, lo scalo campano ha movimentato 5,5 milioni di tonnellate di merce rotabile, con una crescita del 5.35% rispetto allo stesso periodo dell’anno 2018. “La crescita del segmento ro/ro nel porto di Salerno testimonia che il futuro del pianeta e’ sempre piu’ legato a modalita’ di trasporto intermodali, che garantiscono sostenibilita’ ed efficienza – ha dichiarato Domenico De Rosa, amministratore delegato del gruppo Smet – Noi siamo stati i pionieri del green a livello europeo: da tempo abbiamo infatti scelto l’intermodalita’, operando in partnership con il Gruppo Grimaldi e contribuendo in questo modo allo sviluppo del nostro porto”. Ed ha aggiunto: “Per il network di Autostrade del Mare, Salerno e’ uno scalo sempre piu’ strategico, che offre collegamenti marittimi regolari per il trasporto di merce rotabile verso la Penisola Iberica, la Sicilia, la Sardegna, Genova e il Nord Africa. Ritengo che i margini di crescita siano ancora ampi: mi riferisco in particolare agli interventi di dragaggio che attendiamo fiduciosi e che daranno un ulteriore impulso al trasporto intermodale, poiche’ consentiranno al Gruppo Grimaldi di posizionare proprio a Salerno le nuove navi da 500 trailer”.