Ginnastica ritmica: prestigioso stage in programma a Pellezzano

foto Federginnastica

La Libertas e la ginnastica ritmica tornano protagonisti sul palcoscenico sportivo provinciale. Per tutte le giovanissime atlete delle associazioni sportive affiliate al nostro ente di promozione sportiva, che vanta oltre settanta anni di attività nel segno dello sport, è stato organizzato un altro evento di grande prestigio che punta a qualificare ulteriormente il già performante mondo salernitano della ginnastica ritmica, intorno al quale orbitano decine e decine di società e oltre tremila atlete praticanti.

Elisa Blanchi e Anzhelika Savrayuk-
Elisa Blanchi e Anzhelika Savrayuk (foto Federginnastica)

Dall’8 al 10 luglio presso il palazzetto dello sport di Capriglia, frazione del comune di Pellezzano, gestito dalla Wood & rental Corporation di Gianpaolo Rizzo, si terrà lo stage delle campionesse Anzhelika Savrayuk ed Elisa Blanchi, due icone della ginnastica ritmica nazionale che, a distanza di qualche anno dalla conquista di prestigiosi titoli nazionali e internazionali, continuano a incantare il pubblico durante le loro performance, che sono dei veri e propri eventi spettacolari, e ad essere dei punti di riferimento sul piano tecnico per le istruttrici e per le loro giovani atlete.

La ventiseienne Anželika Savrajuk, ginnasta ucraina naturalizzata italiana, è stata campionessa mondiale di ginnastica ritmica a squadre nel 2009, 2010 e 2011 e medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012. Fa parte dell’Aeronautica Militare. Elisa Blanchi, nata a Velletri 29 anni fa, ha fatto parte, insieme alla Savrajuk e alle compagne Elisa Santoni, Romina Laurito, Marta Pagnini e Andreea Stefanescu della squadra nazionale italiana di ginnastica ritmica, allenata da Emanuela Maccarani, che tante soddisfazioni ha regalato alla Nazione.

All’evento formativo hanno aderito una cinquantina di atlete, in rappresentanza di tutta la ginnastica ritmica salernitana che opera sotto la bandiera Libertas. Un’ulteriore occasione di crescita per le ragazze e per l’intero movimento, che con caparbietà e dedizione il delegato nazionale Libertas di settore, Carmine Adinolfi, ha seguito sin dalla nascita, e che nel giro di pochi anni ha registrato un vero e proprio boom.