Festeggiamenti di Capodanno 2021, interventi in calo rispetto al 2020

4

Un 13enne è morto ad Asti poco dopo la mezzanotte nel campo nomadi, dove il bambino viveva.

Nella notte di San Silvestro che ha chiuso il 2020 della pandemia, nel capoluogo campano e nei 92 comuni del suo hinterland l’usanza di accendere fuochi illegali, 3 feriti a Napoli e 5 nel Napoletano, quasi tutti con lesioni alle mani.

Il più grave ha avuto 30 giorni di prognosi per la guarigione, quattro i feriti ricoverati, uno dei quali è una donna colpita da un proiettile vagante.

Due persone in provincia di Salerno a causa dell’esplosione di botti.
Alla fine ha avuto la meglio la voglia di festeggiare senza inutili rischi, con il ricorso prevalente a fuochi legali e le varie operazioni delle forze dell’ordine al sequestro dei botti  illegali e i tanti appelli via social.

Vigili del Fuoco 229 stanotte gli interventi riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno, in netta diminuzione rispetto allo scorso anno, quando furono 686, variazione legata alle misure restrittive adottate per fronteggiare la pandemia Covid-19.

Il numero maggiore anche quest’anno nel Lazio 45 (lo scorso anno furono 171), Campania 40, Puglia 24, Veneto 19, Lombardia 18, Sicilia 17, Liguria 16.

Sono stati 18, invece, gli interventi dei vigili del fuoco del comando provinciale di Salerno ma tutti per episodi di lieve entità.