Fantasia napoletana, nasce “Pipì sospesa”

L’idea nasce dopo aver raccolto le segnalazioni da parte dei radioascoltatori e aver verificato quanto sia difficile riuscire a trovare una toilette pubblica nella città di Napoli. Un disagio che vede i turisti ‘costretti’ a richiedere l’utilizzo della toilette nei bar della città. Ii proprietari dei bar, in alcuni casi, chiedono la consumazione obbligatoria per poter far accedere alla toilette. Qui entra in gioco l’iniziativa partita da “La Radiazza” grazie al confronto con gli ascoltatori: la “Pipì sospesa”. Ecco come funziona: qualsiasi persona consumi un caffè nei bar di Napoli e non usufruisce della toilette, comunica al barista che lascia a qualcuno che ne avrà bisogno, la possibilità di usufruirne, anche senza consumare.