Eccellenza B: San Giorgio concreto, manda all’inferno Santa Maria

I rossoblu di patron Cesarano ottengono la seconda salvezza consecutiva in Eccellenza. Gol decisivo a firma di Fabio Siano

CASTEL SAN GIORGIO: Cesarano, Somma, Siano, Maio (46’ st Guariniello), Romano, Terlino, Matrone, Ferrara, Polizzi, Ferrentino (39’ st Romano), Napoletano (25’ st Di Marino). A disposizione: De Luca, Vitiello, De Rosa, Ferrauto. Allenatore: Cerminara.
POL. SANTA MARIA: Serra, Cresciullo, Rodio, Della Ventura (10’ st Mascolo), Magliocca, Cardinale (27’ Finaldi), Serrone, Santonicola, Trimarco, Scarpa, Rizzo F. A disposizione: Bilancieri, Gallo, Rizzo G., Serva, Esposito. Allenatore: Nicoletti.

ARBITRO: Casalini di Pontedera (Marchese-Portella).

RETE: 38’ pt Siano.
NOTE. Ammoniti: Rodio (P), Ferrentino (C), Polizzi (C), Trimarco (P), Somma (C), Matrone (C). Espulsi al termine della gara Serrone (P) e Trimarco (P). Recupero: 1’pt e 5’ st. Al 42’ st Trimarco (P) sbaglia un calcio di rigore.

Seconda salvezza di fila in Eccellenza per il Castel San Giorgio. Come l’anno scorso, con un colpo di coda, i rossoblu di patron Antonio Cesarano evitano la retrocessione nell’appendice dei play-out. Dopo Pippo Tortora nella passata stagione, l’uomo della provvidenza assume le sembianze di Fabio Siano, che al 38’ della prima frazione di gioco si fa trovare pronto in area cilentana per freddare l’estremo ospite Serra.

Gara difficile, intrisa da mille tensioni da una parte e dall’altra. Tensioni legate alla paura di poter perdere la categoria, al termine di una stagione travagliata, ma tenuta in piedi grazie a prestazioni importanti.

In regular season entrambe le compagini hanno cambiato guida tecnica: da una parte il ritorno di Rosario Cerminara dopo le dimissioni di Antonino Amarante; dall’altra, la doppia gestione di Angelo Nicoletti, prima esonerato, poi richiamato in panca dopo il divorzio dall’esperto Mario Pietropinto.

Il Castello poteva giocare per il doppio risultato, sfruttando il vantaggio del miglior piazzamento in stagione regolare. Ma nei primi minuti è proprio l’undici di Cerminara a creare quattro azioni pericolose, non trovando il bersaglio grosso con Maio, Terlino e Napoltano. Sul versante giallorosso, sono Serrone e Scarpa i più pericolosi, ma non trovano miglior sorte rispetto agli avversari. La punizione del funambolo Ferrentino alla mezz’ora chiama all’intervento in corner Serra, che nulla può pochi minuti dopo, quando Siano sblocca il risultato e porta avanti il Castel San Giorgio.

Ad inizio ripresa ancora Serrone prova a scuotere i suoi, ma sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosi con Ferrentino, Polizzi e soprattutto con Terlino, la cui incornata all’8’ termine di un soffio fuori. Poco prima del quarto d’ora, un brivido gelido percorre la schiena dei tanti supporters sangiorgesi assiepati in tribuna: Rodio pennella una velenosa conclusione, che si stampa però sull’incrocio dei pali. La conclusione di Napoletano parata da Serra è l’ultimo sussulto di marca sangiorgese, prima dell’assalto all’arma bianca del Santa Maria.

Al 23’ Serrone raccoglie il suggerimento di Trimarco, ma trova il gran riflesso di piede di Cesarano. Ci riprova senza esito il solito Serrone, il migliore tra i suoi, prima della conclusione sbilenca di Mascolo. Al 37’ c’è ancora Cesarano sulla strada del Santa Maria, con un intervento in due tempi su tentativo di Santonicola.

Al 42’ la seconda svolta di giornata: Somma tocca di mano in area, per l’arbitro è rigore, ma Trimarco dal dischetto calcia via le chance di dilatare fino al 120’ le speranze dei giallorossi cilentani. L’errore costa tanto sul piano psicologico al Santa Maria, rinvigorendo contemporaneamente la sicurezza difensiva del Castel San Giorgio che conduce la gara in porto al 90’.

Castel San Giorgio: vittoria ai play-out. I rossoblu restano i…

Fabio Siano regala al Castel San Giorgio la salvezza ai play-out nel girone B di Eccellenza. I rossoblu di patron Cesarano centrano l'obiettivo per il secondo anno di fila.

Gepostet von MediaNews24 – MN24.it am Sonntag, 7. Mai 2017