Eboli, sicurezza sul lavoro, nasce il “Coordinamento territoriale”

Un coordinamento territoriale per la sicurezza sul lavoro con sede ad Eboli: è questo quanto hanno stabilito gli esponenti della commissione per le attività produttive e lavoro riunitasi al Comune. Presenti solo gli esponenti della maggioranza: l’opposizione, infatti, ha disertato.

Gli esponenti della commissione consiliare ebolitana, guidati dal presidente Emilio Masala (esperto nel settore) hanno ipotizzato la possibilità di costituire un vero e proprio centro di attenzione sulla sicurezza, partendo dalle normative già presenti in merito.

Attenzione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, settore delicato che purtroppo da tempo fa registrare incidenti anche molto seri creando difficoltà agli organismi preposti al controllo.

Soddisfatto il sindaco di Eboli Massimo Cariello: «E’ un’iniziativa che segnala ancora una volta Eboli e la sua maggioranza di governo per l’attenzione verso i temi sensibili e le necessità della popolazione – le sue parole -. Sono certo che la città saprà anche in questo campo rimarcare la sua capacità di garantire la sicurezza sul territorio, con la consapevolezza che la legalità passa non solo per il rispetto delle regole, ma anche per il mantenimento dei livelli di sicurezza nel campo del lavoro. Spiace constatare che in un’occasione importante come la discussione sul lavoro e sulla sicurezza, l’opposizione sia stata assente: ha perso un’ottima occasione di fare finalmente qualcosa per la città, ma a questo provvederà ancora una volta l’Amministrazione comunale, sempre sensibile verso questo temi che qualificano l’azione di governo l’intera comunità». Sul piano più strettamente tecnico, il presidente Masala, indica la strada che sarà percorsa: «Abbiamo individuato un percorso amministrativo che porterà alla costituzione di un tavolo tecnico, al quale parteciperanno tutti gli attori deputati al controllo nel campo del lavoro e della sicurezza relativa. E così, oltre al Comune di Eboli, metteremo allo stesso tavolo Ispettorato del Lavoro, Asl, Inail, Inps e Vigili del Fuoco. La nostra intenzione è di accendere i riflettori, specie dopo alcuni recenti episodi, sull’intero settore del lavoro, sia sulla sicurezza, sia sulla tutela della salute in caso di luoghi di lavoro e condizioni che si rivelassero dannosi per la salute dei lavoratori».