Eboli, muore in ospedale; in nove i medici nei guai

Avvisi di garanzia notificati al primario dell'ospedale ebolitano e alla sua equipe. A perdere la vita è stata Rosa Petrone, 75enne di Altavilla Silentina, giunta al nosocomio per problemi cardiaci e ai reni. La donna è morta lunedì scorso.

Muore in ospedale, nove i medici indagati. Scoppia il caos all’ospedale di Eboli, dove a seguito della morte di una 75enne, Rosa Petrone, ben nove medici hanno avuto l’avviso di garanzia. Il pm Santoro ha notificato gli avvisi a nei confronti di Vincenzo Occhiofino (primario), Giovanna Tondi, Antonio Sorano, Domenico Di Biasi, Rosalia Esposito, Angelo Costanza, Fidalma Luongo, Simonetta Di Giacomo e Fernando Budetta (nefrologo). Tutti dovranno rispondere sul decesso della 75enne avvenuto lunedì scorso nel reparto di Rianimazione dell’ospedale ebolitano. L’indagine è scattata a seguito di una denuncia presentata dalla famiglia della donna, che ha accusato di “negligenza nelle cure” il personale sanitario che si è occupato della paziente. Tutte le persone coinvolte, accusate di omicidio colposo, si difenderanno in tribunale rivendicando il loro modus operandi e chiedendo l’assoluzione da ogni accusa. La donna, che viveva a Borgo Carillia (Altavilla Silentina) prima di giungere all’ospedale di Eboli era già in cura in una clinica privata per problemi cardiaci e ai reni.