«Coronavirus. Realtà e speranza» è un progetto formativo realizzato da don Edoardo Cibelli, amministratore parrocchiale presso la Parrocchia SS. Corpo del Signore a Napoli e docente in teologia ed edito da Effatà 2020. Il suo e-book scritto in tempo di pandemia è “un’invocazione al Padre” ed è diventato oggi un importante progetto sociale e formativo.

È un racconto, articolato tra realtà e speranza, che fa emergere, da un lato, le restrizioni e le limitazioni che il propagarsi del Covid-19 ha generato oggi nella vita di molte persone, soprattutto italiani, dall’altro, le riflessioni del protagonista, il quale ravvisa un desiderio insopprimibile di spiritualità e di speranza che è radicato nel cuore di ogni essere umano e che non può mai essere spento, neanche dal pericolo generato da una pandemia.

Una profonda riflessione che si ispira al dramma del Coronavirus che riguarda, non solo la comunità, ma anche l’esperienza della singola persona, della propria interiorità, che ha dovuto fare i conti con la solitudine e l’isolamento forzato. Inoltre, viene sottolineata la solidarietà del Mezzogiorno al Nord Italia, maggiormente colpita dall’emergenza sanitaria.

Lo scorso 22 maggio, su Padre Pio TV, durante la messa in onda rubrica curata dalla Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, Sez. San Tommaso (Napoli), in cui si è riflettuto sulla fede al tempo della pandemia, è intervenuto, come esperto, lo stesso don Edoardo Cibelli che ha trattato della fede a partire dal suo racconto, che, come uno screenshot, un “fermo-immagine”, fotografa il vissuto esistenziale umano al tempo del coronavirus. Attraverso le vicende e le riflessioni del protagonista del racconto, un giovane napoletano che studia economia a Milano, in cui ciascun lettore è invitato ad immedesimarsi, il tempo del distanziamento sociale diviene occasione di grazia, opportunità per vivere in modo propositivo un discernimento spirituale, che porta a riqualificare l’importanza delle relazioni interpersonali.

L’ebook di don Edoardo Cibelli sviluppa una teologia narrativa, attraverso il vissuto esistenziale del giovane protagonista. Costui si pone domande di fede e di profonda spiritualità cristiana. La dinamica di fede in modo fluido diviene nel racconto non solo occasione di raccoglimento e preghiera, ma sprone per tradurre sul piano dell’agire la solidarietà e l’amore verso il prossimo.

Come un Leitmotiv che scandisce la narrazione, l’autore scrive che “l’assenza è preludio di una nuova presenza”: la mancanza di impegni e lo sconvolgimento delle abitudini quotidiane possono assumere un significato propositivo per rispolverare la propria interiorità, riqualificare tout court le proprie relazioni, riscoprire che la speranza resta una dimensione costitutiva del vivere umano, nonostante i disagi causati dalla pandemia e le limitazioni imposte dalle norme di distanziamento sociale.

Attualmente, l’ebook rappresenta anche una valida proposta formativa per educatori ed insegnanti di italiano, religione e lingua inglese (nella versione inglese, l’ebook è disponibile su Amazon col titolo “Reality and hope. A plea to God, our Father, during pandemia”), una risorsa per vivere l’emergenza educativa nel nuovo contesto generato dalla pandemia. Di tale proposta sarà l’argomento della videodiretta organizzata da “Remoto Talk Show”, l’appendice video del giornale “La Torre 1905”, nella puntata di Mercoledì 27 maggio 2020, ore 18:30, alla quale parteciperà anche don Edoardo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA MN24