Domenica tutti allo stadio. Il grido di battaglia dei Bothers

Una sfida che ha il sapore di battaglia, una gara durante la quale il Città di Nocera si giocherà, contro il Sant’Agnello, la permanenza solitaria in vetta alla classifica del campionato di Eccellenza, girone B. Una vittoria vorrebbe dire distanziare la squadra costiera di ben sei lunghezze, mettendo così una seria ipoteca sulla vittoria del campionato. Perdere, invece, significherebbe soffrire fino alla fine in una sfida testa a testa con la compagine più forte del campionato. Una partita sentita molto dalla squadra, dalla società, ma soprattutto dai Bothers che, con un comunicato stampa, hanno espresso il loro sostegno nei confronti del Città di Nocera.

“Tutti allo stadio. Di sicuro abbiam vissuto partite ben più blasonate, ma per uscire dall’inferno di categoria in cui siamo precipitati bisogna calarsi in essa con umiltà e sacrificio e ritrovare quello spirito molosso e battagliero che ci ha contraddistinto negli anni. Una partita, questa, che potrà essere il trampolino di lancio verso categorie a noi più consone, e tu molosso non puoi mancare. Il San Francesco deve ritornare a fare la differenza, deve ritornare a far tremare gli avversari, ma soprattutto trasmettere brividi per caricare i nostri alla battaglia fino alla vittoria. Per questo da mesi siamo a lavoro per allestire una mega coreografia che possa trasmettere entusiasmo a questi ragazzi e caricare tutto l’ambiente rossonero. Nocera adesso tocca a noi, basta parlare. C’è una vittoria da conquistare. “Vincere per risorgere” il grido di battaglia! Bothers Nocera 1987″.

Durante la gara verrà ricordato anche Vincenzo Salzano, compianto tifoso rossonero tragicamente scomparso l’8 marzo 2009. I supporters molossi non hanno dimenticato il loro grande amico e, domenica pomeriggio, celebreranno il suo ricordo come meglio sanno fare e nel luogo tanto caro a Vincenzo: lo stadio San Francesco. Una grande coreografia, decine di cori e tante bandiere pronte a sventolare in ricordo di uno dei tifosi più amati di Nocera.