Disparità di trattamento tra pubblici esercizi: il sindaco di Castellammare ha scritto al governatore De Luca

Disparità di trattamento tra pubblici esercizi: il sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino ha scritto al governatore della Campania Vincenzo De Luca proponendo la rivalutazione dell’orario di chiusura come da ordinanze regionali 49 e 51 del 2020.

“Pur condividendo le preoccupazioni – ha spiegato il primo cittadino – circa l’aumento di una diffusione dell’epidemia che, grazie all’immenso sforzo delle istituzioni e dei cittadini tutti, è stato scongiurato, ho espresso preoccupazione per la disparità di trattamento tra pubblici esercizi.

Prevedere la chiusura di un bar o di una vineria, gelateria, pasticceria o chiosco alle 23 consentendo ad un pub o un ristorante di continuare ad effettuare servizio di somministrazione di bevande ben oltre tale orario non potrà produrre altro che affollamenti di avventori in un numero ridotto di esercizi rispetto alla mole di avventori usuali.

Le normative vigenti prediligono quelle attività di somministrazione svolte all’aperto e nel particolare, sul territorio di Castellammare insistono diversi bar e chioschi ai quali è stata rilasciata la concessione del suolo pubblico. Espletare tali attività all’aperto, pertanto, potrebbe fornire maggiore sicurezza al rispetto del distanziamento sociale”.

#ResistiamoInsieme #Coronavirus #Covid19 #Fase2 #Coronavirusitalia #CastellammarediStabia #Castellammare #Stabia #Stabia2020 #Cittàdelleacque