Dilettanti regionali, ecco tutte le squalifiche della settimana

A seguito della espulsione del calciatore n. 24 della società Siano Calcio, 5 sostenitori della suddetta società, rivolgevano frasi ingiuriose e minacciose al ddg; al minuto 40 del secondo tempo, i suddetti sostenitori abbandonavano gli spalti e si avvicinavano alla rete di recinzione reiterando le minacce di morte nei confronti del ddg, con comportamento violento ed aggressivo; infine, le suddette persone si posizionavano davanti al
cancello d’uscita del tdg, reiterando le minacce di uccisione, agitando una mazza di ferro di circa un metro, e probabilmente un cric per automobili; solo grazie all’intervento dei dirigenti responsabili di entrambe le società il ddg poteva raggiungere incolume lo spogliatoio. Successivamente grazie all’intervento della società Longobarda, il ddg poteva uscire dallo spogliatoio, raggiungere la propria autovettura e lasciare l’impianto.

Solo una delle tante sanzioni decise dai giudici sportivi territoriali nei campionati dilettantistici regionali vari.

1575570459c.u.n.35del5-12-2019 .

-cu46 2019-2020

calcio a 5 1575565470

c.u.25delegazioneprovincialedisalerno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rivolgevano frasi ingiuriose e minacciose al ddg; al minuto 40 del secondo tempo, i suddetti sostenitori
abbandonavano gli spalti e si avvicinavano alla rete di recinzione reiterando le minacce di morte nei confronti
del ddg, con comportamento violento ed aggressivo; infine, le suddette persone si posizionavano davanti al
cancello d’uscita del tdg, reiterando le minacce di uccisione, agitando una mazza di ferro di circa un metro, e
probabilmente un cric per automobili; solo grazie all’intervento dei dirigenti responsabili di entrambe le società
il ddg poteva raggiungere incolume lo spogliatoio. Successivamente grazie all’intervento della società
Longobarda, il ddg poteva uscire dallo spogliatoio, raggiungere la propria autovettura e lasciare l’impianto. Si
precisa che la sanzione dell’ammenda viene irrogata in misura ridotta in considerazione dell’applicazione delle
circostanze attenuanti di cui all’art.13 del CGS, in favore della società Siano Calcio per la condotta dei suoi
dirigenti.