Dietro la lavagna: i cattivi della settimana

Da questa settimana incominciamo il viaggio dei cattivi passeggeri, quelli che nel calcio dilettantistico nostrano sono colpiti dalle sanzioni più dure: rendendole pubbliche può darsi che in futuro desistano.

NEMMENO IN ALISCAFO… 

Ammenda di  Euro 150,00 MASSA LUBRENSE (con obbligo di risarcimento alla società Real Anacapri Calcio ove quantificato e richiesto dalla stessa) propri sostenitori scaraventavano a terra la porta dello spogliatoio della propria squadra; inoltre al rientro,sull’aliscafo, il ddg veniva avvicinato da tre persone riconducibili alla società Massa Lubrense per lo stemma sull’abbigliamento i quali offendevano e minacciava no il ddg e lo costringevano a ripararsi in una cabina privata fino al rientro.

QUANDO UNO E’ TESTARDO

SQUALIFICA FINO AL 24/12/2019 per il calciatore Pasquale Atene (Comprensorio Casalnuovese). Con comportamento sleale scorretto e antisportivo a seguito di ammonizione, si avvicinava minacciosamente al ddg colpendolo con più testate, sebbene leggere, successivamente il calciatore cercava in tutti i modi di aggredire fisicamente il ddg ma non vi riusciva soltanto grazie all’intervento tempestivo dei compagni di squadra. mentre veniva allontanato insultava il ddg e l’intera categoria arbitrale. (la squalifica viene così comminata in applicazione del c.u. n.19/A figc del 7/12/2018)

CALCIATORE NON VUOLE DIRE PRENDERE A CALCI
SQUALIFICA FINO AL 17/10/2019 per il calciatore Fabio Maione (Libertas Casalnuovo). A seguito di provvedimento di espulsione, si dirige va verso il DDG, insultandolo; successivamente, cercava di colpire quest’ultimo con un violento calcio che il DDg riusciva ad evitare; successivamente, si scagliava ancora contro il DDg, cercando di colpirlo con un pugno di forte intensità che il DDg riusciva ad evitare solo in parte venendo colpito di striscio; solo grazie all’intervento dei compagni si placava e si riusciva a portare fuori al recinto di gioco.(in applicazione dell’art.19/a figc del 7/12/2018)
FRANCESCO PANNESE DI ARIANO IRPINO: MARTIRE PIU’CHE ARBITRO…
GARA DEL 22/12/2018 ATLETICO SAVIANO OTTAVIANO – PROGETTO FUTSAL TERZIGNO (CALCIO A 5). Il GST, letto il referto del DDG nonché il rapporto del C.C., rilevato che al minuto 15 e 44 secondi del 2^tempo, dopo aver notificato l’espulsione al calciatore Langella Vincenzo, della Società Atletico Saviano Ottaviano, trovandosi nei pressi della linea laterale sotto la tifoseria della Società Atletico Saviano Ottaviano un tifoso della predetta Società colpiva vigliaccamente alle spalle, trovandosi in posizione sopraelevata rispetto al DDG, in maniera violenta lo stesso con un schiaffo all’altezza dell’orecchio destro e della mandibola destra. Tale violento episodio provocava una forte stordimento e dolore nella zona colpita al DDG provocandogli capogiri e perdita di equilibrio face
ndolo spostare in avanti verso il tdg. Per tale motivo confuso e stordito per il colpo subito il DDG decretava la sospensione immediata della gara non essendovi più le
condizioni fisiche e psicologiche per portarla a termine. Mentre il DDG cercava con molta fatica di rientrare negli spogliatoi, dopo aver attraversato il tdg, nell’atto di intraprendere il corridoio che conduce agli spogliatoi, veniva colpito violentemente al viso da un pugno sferratogli dalle spalle. Il pugno veniva sferrato con inaudita violenza e con precisione al naso ed alla bocca, provocando al DDG di nuovo stordimento, perdita di equilibrio, forte dolore al naso, ai denti ed alle gengive. Detto tifoso non riusciva nell’intento di colpire il DDG ancora per l’intervento del Commissario di Campo e dei tesserati di entrambe le Società e veniva allontanato subito dai tesserati della squadra locale. Dopo le
predette aggressioni il DDG cercava a fatica di rientrare neglispogliatoi per tutelare la propria incolumità, giunto davanti alla porta dello spogliatoio veniva avvicinato con
fare minaccioso ed aggressivo dal Dirigente addetto agli ufficiali di gara della Atletico Saviano Ottaviano, Sig.Nunziata Saverio, che cercava di colpirlo più volte ma non riusciva nello intendo per il pronto intervento del Commissario di Campo che si frapponeva con forza tra il DDG e l’aggressore. Non contento di ciò il Sig
Nunziata Saverio impediva fisicamente al DDG di aprire la porta dello spogliatoio che era chiusa a chiave. Appena il DDG cercava di inserire nella serratura la chiave per aprire lo spogliatoio, tentativo già difficile perché lo stesso era dolorante e privo di lucidità
per i forti traumi subiti; il Nunziata Saverio lo faceva indietreggiare di diversi metri, spingendolo con forza verso lo spogliatoio della squadra dello Atletico Saviano
Ottaviano cercando ripetutamente di aggredirlo ma ciò non avvenne per l’intervento del Commissario di Campo e dei tesserati della squadra locale. Mentre allo stato il DDG si trovava con le spalle al muro vicino allo pogliatoio della squadra locale il Nunziata Saveri
o con fare minaccioso ed aggressivo riferiva al DDG parole ingiuriose e minacciose addirittura di morte e con fare sempre minaccioso sbatteva i pugni sul muro
minacciando sempre il DDG di riprendere la gara e quindi di non sospenderla; il tutto sebbene il DDG gli riferisse di non essere in grado per le lesioni subite di riprendere la gara ed anzi che aveva bisogno di accomodarsi e bere un bicchiere d’acqua per i dolor
i avvertiti. Incurante di ciò il Nunziata Saverio impediva fisicamente al DDG di accedere nello spogliatoio, tanto durava circa tre minuti essendo il DDG anche spostato
ed allontanato dallo ingresso dello spogliatoio; in tale frangente il Nunziata reiterava le minacce di non sospendere la gara ma i riprenderla. Dopo tutto ciò essendo finalmente riuscito il DDG a rientrare nello spogliatoio, lo stesso si sedeva, avvertendo disori
entamento e disturbo dell’equilibrio. Nel frattempo giungevano tutori dell’ordine che unitamente a due colleghi arbitri presenti sugli spalti prestavano soccorso al
DDG che senza nemmeno poter effettuare la doccia in quanto priva di acqua calda, si rivestiva e veniva accompagnato al vicino P.S. di Nola dai colleghi arbitri ove veniva refertato per trauma all’emivolto destro ed alla piramide nasale e di notte veniva dimesso. PQM ai sensi dell’art. 17 CGS commina la punizione sportiva della perdita della gara all’Atletico Saviano Ottaviano con il risultato di 0/6; ai sensi dell’art. 18
CGS lettera d) dispone, con effetto immediato, che le partite casalinghe della Atletico Saviano Ottaviano vengano disputate, fino al termine della stagione agonistica, a porte
chiuse; ai sensi dell’art. 18 lettera g) CGS commina all’Atletico Saviano Ottaviano due punti di penalizzazione in classifica; commina alla Atletico Saviano Ottaviano
l’ammenda di euro 1000,00 per i fatti sopra descritti; infligge al Sig. Nunziata Saverio, dirigente addetto agli ufficiali di gara della Atletico Saviano Ottaviano, la inibizione da ogni attività fino al 26.06.2020.