Dietro la lavagna, i cattivi del nostro calcio minore

ARBITRO, DEVI PRENDERE L’ELICOTTERO
SQUALIFICA FINO AL 9/ 4/2019 per Isidoro Di Meglio, allenatore Real Forio. con comportamento sleale, scorretto, antisportivo, aggravato dal ruolo rivestito, come da rapporto del l’AA1, in occasione della concessione di un calcio di rigore in favore della squadra avversaria, profferiva frasi offensive e ingiuriose ed inoltre minacciava la terna arbitrale che solo con l’elicottero avrebbero lasciato l’impianto. A seguito  dell’allontanamento, entrava sul tdg avvicinandosi al DDG e lo insultava; anche a fine gara, attendendo la terna arbitrale nello spazio antistante lo spogliatoio, reiterava gli insulti contro la stessa.
IL PRESIDENTE E’ CONTRO LE DONNE
AMMENDA DI Euro 500,00 VIRTUS OTTAVIANO. A fine gara persona non identificata, qualificatasi come Presidente della Società, senza autorizzazione entrava nello spogliatoio della terna arbitrale ed insultava la stessa ed in particolare con espressioni maschiliste offendeva l’AA1, definendola incapace, per il suo sesso femminile, a stare sui campi di calcio. Inoltre e come da rapporto dell’AA1, a seguito della segnatura della
rete da parte della squadra avversaria, propri sostenitori cominciavano a minacciare di morte la stessa ed a insultarla.
ANDATE A LAVORATE
GARA DEL 6/ 1/2019 LAVORATE CALCIO – ATLETICO FAIANO Il Gst, letto il referto arbitrale rileva che la gara in epigrafe veniva sospesa al 43’ del 2 tempo poiché a seguito
dell’espulsione di un calciatore della società Lavorate, il sig. Manna Maurizio, dirigente della società Lavorate Calcio, protestava nei confronti del direttore di gara, entrando sul tdg e rivolgendo frasi minacciose e ingiuriose all’indirizzo del ddg, quest’ultimo dopo
aver invitato il sig. Manna ad abbandonare il tdg, ritenendolo allontanato, il sig. Manna correva verso il ddg provando ad aggredirlo fisicamente, non riuscendovi solo
perché il ddg con una repentina corsa si allontanava; il sig. Manna rincorreva il ddg per l’intero tdg mentre i calciatori di entrambe le società cercavano di fermarlo e non vi riuscivano ricevendo sempre dal signor Manna calci e pugni; il Manna si placava solo grazie all’intervento dei tesserati tutti e di una sostenitrice della società Lavorate Calcio; il ddg rilevando che non vi erano più le condizioni per proseguire la gara e in assenza della
forza pubblica si vedeva costretto a decretarne anticipatamente la fine. PQM, tutto ciò rilevato il Giudice Sportivo Territoriale delibera di infliggere alla società Lavorate Calcio la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0/3, di inibire il sig. Ma
nna Maurizio fino all’8/1/2020 rilevando che lo stesso era già in corso di inibizione; delibera altresì di comminare l’ammenda di euro 100,00 alla società Lavorate Calcio per
aver inserito in distinta di gara soggetto sottoposto ad inibizione.
MONGOLOIDE A CHI
AMMENDA Euro 400,00 PLAJANUM (con obbligo di disputa, a porte chiuse, di due gare
interne, con effetto immediato). Come da supplemento di rapporto del DDG, propri sos
tenitori per tutta la durata della gara hanno proferito insulti nei confronti dello stesso apostrofandolo a nche “mongoloide”, manifestando mancanza di rispetto e sensibilità nei confronti dei soggetti colpiti da tale disabilità ed inoltre lo minacciavano di lesioni personali.Durante l’ingresso in campo per dar via al 2^ tempo, un proprio sostenitore si avvicinava al cancello che ivideva la tribuna dall’area tecnica e con fare minaccioso e violento invitava il DDG ad arbitrare bene ed in caso contrario lo minacciava sempre di lesioni personali; il tutto aggravato da ingiurie e frasi volgari. Una volta terminata la gara un proprio sostenitore cercava di attingere il DDG con sputi ma non vi riusciva; inoltre, altri
sostenitori assiepati sopra il tetto dello spogliatoio del DDG reiteravano le minacce e le ingiurie anche nei confronti dei defunti del DDG, per cui il DDG si vedeva costretto a rimanere chiuso nello spogliatoio e quindi non uscire per lasciare l’impianto, per evitare che
la situazione degenerasse. Solo quando tutti i sostenitori della società erano andati via il DDG ha potuto lasciare l’impianto. Inoltre a causa della mancata vigilanza, propri sostenitori risultavano presenti nello spazi o antistante gli spogliatoi e cercavano di entrare
in contatto fisico con il DDG, mentre rientrava nello spogliatoio, ma ciò non riusciva per l’intervento dei dirigenti della Società. Per i fatti sopra riportati si dispone che le prossime due gare casalinghe vengano disputate a porte chiuse; il tutto con effetto immediato.