Demolizione del ponte Marconi: il Genio Civile diffida il Comune di San Marzano sul Sarno

Il Genio Civile ha diffidato il comune di San Marzano sul Sarno a demolire, per ragioni di sicurezza, il ponte che attraversa la cosiddetta Ciampa di cavallo. Tratto di fiume da anni al centro del dibattito politico, un anno fa sul posto è arrivato anche il Ministro Sergio Costa, ma purtroppo finora sono arrivati solo provvedimenti tampone. Tante le perplessità sulla decisione di abbattere il ponte stesso da parte degli attivisti di Fronte Civile con l’ex consigliere comunale di Angri Eugenio Lato, “Questo abbattimento se mai venisse fatto, – spiega Lato – se non coadiuvato ad un vero e proprio dragaggio del fiume, porterebbe un danno maggiore in termini sia di portata di acqua che di rifiuti. Questa è l’ennesima sciagura che sta per essere perpetrata a danno degli abitanti di San Marzano sul Sarno, Angri e Scafati. I cittadini di questi comuni devono essere uniti per raggiungere un unico obiettivo ed evitare nuovi disastri”. Dello stesso avviso è Salvatore Annunziata, coordinatore di San Marzano Attiva, che da anni sta lottando insieme ai cittadini di San Marzano per il disinquinamento del fiume Sarno ed in particolar modo sul forte inquinamento di Ciampa di Cavallo. “L’abbattimento del ponte Marconi, oltre a non risolvere il problema, porterà dei disagi maggiori ai cittadini, diciamo un forte no all’ennesimo scempio. Siamo stanchi di interventi tampone che non portano alla soluzione reale del problema. Le piogge delle scorse settimane hanno provocato danni ingenti alle colture, alle abitazioni oltre a limitare gli spostamenti dei residenti. La scorsa settimana mi sono recato in Regione Campania, presso gli uffici dell’assessorato all’Ambiente, per chiedere a nome di tutta la comunità di San Marzano dei provvedimenti urgenti, questo territorio non può più attendere. Non possiamo aspettare ancora il Grande Progetto Sarno e quando la politica si deciderà a realizzarlo. Il nostro territorio ha bisogno di interventi a breve termine, sono troppi anni che siamo in attesa, intanto si bruciano soldi pubblici per interventi di pulizia superficiali”. Fronte Civile e San Marzano Attiva, insieme ad altre associazioni del territorio, nell’aprile scorso sono state protagoniste, proprio a “Ciampa di Cavallo”, dell’operazione “stappa fiume”, ripuliamo il Sarno in località “Ciampa di cavallo” tra San Marzano sul Sarno e Angri. La singolare manifestazione di indignazione per ripulire il fiume proprio li dove il Sarno riesce a dare il meglio di se tra rifiuti di ogni genere: plastica e altri materiali presenti lungo il rivo. Una lotta che da anni le associazioni del territorio stanno portando avanti ma dall’altra parte le istituzioni continua il silenzio delle istituzioni.