Corrieri ovulatori, arrestati quattro stranieri

Tre cittadini nigeriani e uno del Niger sono stati arrestati dai carabinieri in quanto ritenuti componenti di un’organizzazione criminale internazionale che avrebbe importato ingenti quantità di eroina e cocaina in Italia attraverso i cosiddetti “corrieri ovulatori”, ovvero uomini e donne che accettano di ingerire ovuli di droga dal peso di mezzo chilo a quasi 1,5 kg, in cambio di compensi che vanno dai 3000 ai 6000 euro, rischiando anche la propria incolumità personale; corrieri che viaggiano in aereo e che spesso vengono fermati e arrestati. Durante l’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, sono stati infatti arrestati 13 corrieri e sequestrati 368 ovuli per un peso complessivo di oltre circa 6 kg (di cui 4650 grammi di eroina e 1350 grammi di cocaina). L’inchiesta, che aveva già portato a 16 arresti nel novembre scorso, è partita dal Casertano, in particolare da Castel Volturno, dove la mafia nigeriana controlla da anni lo spaccio e la prostituzione. Gli investigatori dell’Arma – stazione di Grazzanise e Compagnia di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) – hanno acquisito i piani di volo e le liste passeggeri – accertando la sistematicità con cui l’organizzazione – radicata in Italia e in altri Paesi europei – inviava i suoi corrieri in Italia; la droga arrivava da Nigeria, Kenya, Madagascar, Ruanda, Brasile, Turchia, Spagna, e inondava le piazze di spaccio di Sant’Antimo (Napoli), Padova, Latina e Cisterna di Latina. E’ emerso inoltre che i pagamenti delle transazioni illecite avvenivano tramite circuiti internazionali di money transfer quali Wester Union o Money Gram ovvero, per i pagamenti in ambito nazionale, anche attraverso accrediti su carte prepagate Postepay. I capi e gli altri componenti dell’organizzazione utilizzavano inoltre diversi sistemi di comunicazioni per eludere le investigazioni, ovvero ricorrevano a schede telefoniche intestate a soggetti inesistenti o estranei all’indagini, usavano posta elettronica con provider esteri, call Center, Internet Point e chat line.