Coronavirus – Sarno pulito dopo il blocco, test di Arpac e Capitaneria

7

Nella giornata odierna, in seguito delle direttive emanate dal del ministro dell’Ambiente del Territorio e del Mare, Sergio Costa, e sotto il coordinamento del Capo del Reparto Ambientale Marino del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto Contrammiraglio (CP) Aurelio Caligiore e del Direttore Marittimo della Campania Ammiraglio Ispettore (CP) Pietro Giuseppe Vella, il personale della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia insieme a tecnici dell’Arpac ha effettuato monitoraggio e campionamento delle acque di mare antistanti la foce del fiume Sarno, a confine tra i Comuni di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata.

A bordo del Battello “Helios” dell’Arpac, il personale della Guardia Costiera stabiese agli ordini del Capitano di Fregata (CP) Ivan Savarese insieme ai tecnici dell’Arpac hanno effettuato 3 campionamenti nel tratto di mare antistante la foce del fiume Sarno, vicino lo scoglio di Rovigliano, ed un campionamento più verso il largo a circa 3 miglia dalla costa.

Il battello “Helios” è dotato di gru per la movimentazione della strumentazione pesante per i prelievi di sedimenti marini su fondali, di Sonde multiparametriche per l’acquisizione in tempo reale della profondità di temperatura, salinità, pH, ossigeno disciolto, clorofilla e torbidità dell’acqua e di computer per l’acquisizione dei dati e strumentazione elettronica di interfaccia alla strumentazione in mare.

I controlli ed il monitoraggio delle acque alla foce del fiume Sarno e del tratto di mare antistante continueranno da parte della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia insieme all’Arpac anche nei prossimi giorni, al fine di verificare l’effettivo miglioramento delle acque a seguito del blocco delle attività industriali della zona in relazione all’emergenza Covid19.