Corbara. Amianto a cielo aperto, rivolta di famiglie e residenti

La situazione in località Acquapendente, a Corbara, è oramai esplosiva. E il motivo è riconducibile ad una quantità considerevole di amianto, che marcisce a cielo aperto e che di fatto, sta creando problemi enormi ad almeno 6 nuclei familiari che vivono in zona. La quantità è sparsa ovunque, in zone non transennate, che si fondono con la natura circostante. A vivere una situazione di enorme disagio sono decine di residenti, che non contano più le tante segnalazioni inviate a Comune e Asl per le operazioni di rimozione. I due enti, pur effettuando diversi sopralluoghi in passato, ne avrebbero fatto un problema di competenza. Ma non sarebbero mai intervenuti, con la conseguenza di lasciare che tutto marcisse a cielo aperto. La zona è da tempo meta di sversamenti abusivi, anche di persone provenienti da altri comuni, con un controllo delle autorità “superficiale”, che di fatto non è mai riuscito ad arrestare e risolvere il fenomeno. La vicenda è stata segnalata nuovamente alle autorità, oltre che dalle famiglie, in primis anche dall’avvocato Giovanni Pentangelo. “Siamo molto preoccupati – racconta un residente – perchè quel materiale è vicino alle nostre case, abbandonato da chissà quanto. Abbiamo visto venire sul luogo e in passato diverse autorità, ma non abbiamo mai capito quale sia l’impedimento per la rimozione. Temiamo per la nostra salute”