Cittadella-Salernitana 4-3, risveglio tardivo dei granata

Avvio scoppiettante al Tombolato. Rosafio, ex Cavese, si incunea in area e prova il diagonale, ma la sfera conclude abbondantemente sul fondo. La spinta dei veneti continua a farsi sentire. Al 9’, infatti, è nuovamente la squadra di Venturato a prendersi la scena con Diaw, che su traversone di Benedetti, si getta in scivolata senza però inquadrare la porta. Subito dopo è Iori a provarci con bolide dalla distanza che Micai neutralizza con un buono intervento. La mole di gioco dei veneti si fa sempre più intensa. Al 20’ ad andare a caccia del gol è Branca che con girata mette in apprensione Micai che devia in angolo.  A gelare il Tombolato è Milan Djuric. L’attaccante bosniaco sfrutta l’ottimo traversone effettuato da Lombardi, stacco di testa, per bucare Paleari. In pochi minuti, i veneti si rendono pericolosi ben due volte con Diaw. Rete che arriva a ridosso della mezz’ora con lo stesso Diaw che fa suo il cross di Rosafio e batte senza Micai. Il gol del pari da una grande scarica di adrenalina al Cittadella, che si porta in  vantaggio con un mancino velenoso di Benedetti. Nel finale della prima frazione è il Cittadella a chiudere in bellezza, ancora con Diaw, che su pennellata di Rosafio, punisce Micai.

La prima vera occasione del secondo tempo arriva al 61’ e a crearla è il Cittadella, con incornata di Rosafio, bravo Micai, respinge prontamente la conclusione. La Salernitana va alla ricerca del gol con Djuric, ma la possente punta non centra lo specchio della porta. Qualche istante dopo la staffilata del bosniaco, il Cittadella archivia il match realizzando la rete del 4-1 grazie a D’Urso che, dopo la bella palla su cross di Branca, prima salta secco Billong e poi trafigge Micai. Ma nonostante l’ampio svantaggio, la Salernitana non ci sta. Infatti, al 78’ i granata trovano la via del gol con Giannetti che in girata batte Paleari. A riportarli in gara è Kiyine su calcio di rigore arrivato a causa di un fallo di Iori su Lombardi. Emozionante il finale. Ci provano Maistro e Lombardi, ma il gol non arriva. Nell’extra time a sfiorare la rete del 4-4 è Giannetti, l’ex Cagliari a tu per tu con Paleari svirgola.

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari, Ghiringhelli (72’ Mora), Perticone, Adorni, Benedetti; Vita, Iori, Branca; D’Urso; Diaw, Rosafio (68’ Panico). Allenatore: Venturato.

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo, Billong, Pinto (61’ Cicerelli); Lombardi, Akpa Akpro (46’ Maistro), Di Tacchio (52’ Dziczek), Kiyine, Jaroszynski; Djuric, Giannetti. Allenatore: Ventura.

Arbitro: Rapuano di Rimini

Marcatori: Djuric (21’), Diaw (29’, 42’), Benedetti (31’), Giannetti (78’), Kiyine (81’)

Ammoniti: Benedetti (40’), Kiyine (40’), Lombardi (40’), Maistro (50’), Vita (61’), Jaroszynski (93’)