Chiuse la compagna nella cuccia del cane, 44enne condannato a 5 anni

Condannato a 5 anni e quattro mesi. È questa la sentenza a carico del 44enne di Giffoni Valle Piana accusato di violenza sessuale, maltrattamento, estorsione, stalking, minaccia e ingiuria nei confronti dell’ex convivente di 50 anni di Eboli. Il pubblico ministero per lui aveva chiesto 4 anni; il gip, invece, si è pronunciato aumentando di quasi dodici mesi la condanna: 5 anni.

Cruciale il racconto della donna in aula, che davanti ai giudici ha ricostruito un rapporto con l’uomo iniziato come vero e proprio idillio amoroso e terminato con botte, calci, addirittura sigarette spente sul corpo. Fino all’episodio della faccia negli escrementi del cane o la chiusura in gabbia. Tutto, come ha raccontato la donna, per far si che lei fosse totalmente sottomessa e consegnasse all’uomo tutti i soldi che aveva. Ultima richiesta, l’intestazione di un mutuo di cui avrebbe dovuto beneficiare la madre.