Cava de’ Tirreni, le proposte Confesercenti per carico e scarico

Carico e scarico merci, sosta e viabilità. Tre proposte di Confesercenti Cava de’ Tirreni
all’Amministrazione comunale. Il presidente di Confesercenti Cava de’ Tirreni e Consigliere Camera Commercio Salerno, Aldo Trezza, in relazione alle problematiche relative alla sosta e viabilità, chiede di valutare la possibilità di rivedere il regolamento dell’occupazione degli stalli di sosta blu da parte dei residenti nelle aree del centro cittadino (corso Principe Amedeo, piazza S. Francesco strada, via Biblioteca Avallone, piazza V. Emanuele
III, via Cuomo, viale Marconi, Corso Mazzini, via Veneto e propone che dalle ore 9.00, alle ore 12.30, esclusi domenica e festivi, siano lasciati liberi dai residenti tutti gli stalli a pagamento, (strisce blu) per consentire una più efficace rotazione delle auto a beneficio dell’utenza commerciale cavese e proveniente dalle altre città. A titolo sperimentale, inoltre, si propone di riservare in una area parcheggio del trincerone, uno spazio con dieci stalli con sosta gratuita per la prima ora e pagamento di un ticket di 5 euro per le successive, al fine consentire uno shopping veloce al centro e scoraggiare
occupazione di stalli per lungo tempo. A seguito delle richieste pervenute da commercianti, si propone anche di regolamentare il carico e scarico merci nella fascia mattutina anticipandolo dalle ore 8.00 e fino alle ore 12.00, in quanto alcune
tipologie merceologiche (pescherie, fruttivendoli, supermercati, etc) hanno necessità di poter scaricare prima le loro merci. Inoltre, a salvaguardia del centro storico dove è sempre irrisolto il problema della pavimentazione che a causa dei mezzi pesanti è in perpetuo pessimo stato, si propone il divieto assoluto di transito per tali
automezzi e la predisposizione di aree di sosta adeguate ai mezzi pesanti a ridosso del centro da dove i distributori possono consegnare le merci con carrellini elettrici.
Per quanto riguarda il problema del traffico su corso Mazzini, con code interminabili fino all’epitaffio, causato dall’accesso al parcheggio di piazza Amabile, è risultato inefficace la segnaletica di avviso predisposta dalla Metellia per cercare di dirottare gli automobilisti sulle aree di via Gramsci (che rimane poco utilizzata) per non parlare del parcheggio dell’area mercatale (troppo distante dal centro e non collegato con alcun servizio), per cui, oltre a predisporre nei giorni e negli orari in cui è noto che si
verificano tali problematiche, un apposito servizio con personale Metellia e/o Polizia Urbana, per evitare le code, si propone di attivare pannelli informativi sui posti disponibili e relativo costo orario, dei parcheggi in area chiusa, già all’uscita dell’autostrada e attivare anche strumenti come app per telefonini che aggiornino in tempo reale sullo stato dei parcheggi cavesi.