Castellammare, scattano i sigilli per un’officina abusiva

Il blitz delle fiamme gialle è scattato in seguito ad un’operazione mirata al contrasto del fenomeno dei lavoratori a nero. Durante i controlli, però, ci si è subito resi conto che l’officina era sprovvista di qualsiasi autorizzazione: non aveva una partita iva né sono stati rinvenuti accordi con le ditte specializzate allo smaltimento dei rifiuti.Un’officina meccanica priva di qualsiasi autorizzazione è stata scoperta dagli uomini della guardia di finanza di Castellammare di Stabia in via Passeggiata archeologica. Per questo, il titolare – un 55enne di Gragnano – è stato denunciato alle autorità competenti mentre l’attività illegale è stata posta sotto sequestro. All’interno dell’officina, i militari hanno rinvenuto diverse parti di auto, olio esausto, batterie e pezzi di motori. Tutto materiale classificato come rifiuto pericolo e, pertanto, da smaltire tramite ditte specializzate. Ma non è tutto. Dai controlli è emersa anche l’assenza di controlli sui fumi di scarico e altre violazioni in materia di sicurezza sul lavoro. Il 55enne titolare della ditta è quindi stato denunciato a piede libero mentre l’officina abusiva è stata posta sotto sequestro.