Castel San Giorgio: ricordando Anna Frank

Questa mattina, nell’aula consiliare del Comune di Castel San Giorgio, in collaborazione con le scuole primarie e secondarie del territorio, si è svolta la prima delle manifestazioni in programma per ricordare la Shoah. La persecuzione ed il genocidio degli ebrei avvenuto durante la Seconda guerra mondiale ad opera dei nazisti e dei paesi loro alleati, è stata al centro della discussione che ha visto come relatore il professore Basilio Fimiani già dirigente scolastico del Liceo Scientifico di Roccapiemonte, l’assessore alle Pari Opportunità e Politiche Giovanili Giustina Galluzzo e il primo cittadino Paola Lanzara. “Il Giorno della Memoria, per non dimenticare” è stato il filo conduttore della discussione che ha registrato un interesse notevole da parte degli studenti che hanno affollato l’aula consiliare del Comune di Castel San Giorgio.

“Il 27 gennaio 1945 – ha detto il sindaco Paola Lanzara – furono abbattuti i cancelli del lager di Auschwitz. Un gesto simbolico che testimoniò però la fine di un sistema degenerato che vedeva esseri umani non solo trattati come bestie, ma anche vittime inermi di persecuzioni e prove di laboratorio contrarie ad ogni etica umana. La fine di quel sistema rappresentò la riscossa non solo delle democrazie, ma della dignità umana calpestata e annullata in nome di un odio razziale che non trova alcuna giustificazione né attenuante”.

Alla fine dell’incontro proprio il sindaco Paola Lanzara ha voluto la proiezione del film-cult “Il diario di Anna Frank” che meglio di qualunque altro tratteggia gli orrori dei lager nazisti e contribuisce a conservare nitida la memoria di quanto accaduto.