Caserta – Il “Villaggio dei Ragazzi” scrive e chiede l’intervento di S.E. Rev.ma Mons. Tommaso Caputo

Riceviamo e pubblichiamo lettera dei lavoratori della Fondazione Villaggio dei Ragazzi firmata e  indirizzata a S.E. Rev.ma Mons. Tommaso Caputo, Amministratore Apostolico della Diocesi di Caserta e Arcivescovo Delegato Pontificio di Pompei.

Eccellenza Reverendissima,

noi dipendenti e professori della Fondazione “Villaggio dei Ragazzi” la imploriamo in ginocchio per un aiuto di fronte alla irrazionalità dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero, che a fronte di utili certi nella procedura concordataria per la Fondazione, preterisce rinunciare a tutto, e non si capisce bene per quale principio, affossando e condannando a morte certa centinaia di famiglie.

Le chiediamo di intervenire quanto prima per ricondurre alla ragione l’Istituto, il suo presidente, il Consiglio. Non vorremmo che l’omicidio sia perpetrato nel silenzio e faremo di tutto per opporci in ogni modo alla eutanasia di una Fondazione benemerita e delle nostre vite.

Tutto dipende dal sostegno che l’Istituto ci dara – senza curarsi dei possibili introiti certi – e di fronte a ciò stupisce la sua negatività, considerato che la Diocesi ha sempre avuto parte attiva nelle decisioni della Fondazione, e che non sono invece responsabilità di chi vi lavora e de1 ragazzi salvati dalla strada e che li sono stati allevat.1.

Per tutto chiediamo un suo intervento risolutore che porti l’Istituto tra i nostri sostenitori.

Grazie Eccellenza,

seguono firme dei lavoratori / dipendenti della Fondazione Villaggio dei Ragazzi