Canali del Sarno: interrogazione al ministro Costa

La senatrice del MoVimento 5 Stelle Luisa Angrisani fa pressing sulla questione ambiente. Dopo il sopralluogo delle scorse settimane, insieme alle colleghe deputate del territorio, Virginia Villani e Silvana Nappi, il consigliere regionale Luigi Cirillo. accompagnata da tecnici e attivisti, lungo le sponde di canali del Sarno, studiando la questione allagamenti, ha presentato un’interrogazione al Ministro. Il testo è indirizzato a Sergio Costa, Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e a Giulia Grillo, Ministro della salute. “I territori appartenenti alla provincia di Napoli, compresi nei comuni di San Giuseppe Vesuviano, Poggiomarino e Terzigno, occupano una superficie che si trova nelle immediate prossimità di due grandi vasche di raccolta di acque piovane; i suddetti bacini artificiali si affacciano sulla valle presente ai piedi del versante del Vesuvio, che insiste nel corso idrico del Sarno; queste vasche, denominate Fornillo e Pianillo, nel corso del tempo, a causa della mancata ordinaria manutenzione e del fallito completamento della rete fognaria, che ne impedisce il necessario svuotamento e la conseguente pulitura, sono invase da numerosi scarichi di acque civili e altri liquami, probabilmente velenosi, dal punto di vista ambientale – si legge nel testo co-firmato dai senatori del MoVimento 5 Stelle, Giannuzzi, Licheri, Santillo, Urraro, De Lucia, Ortolani, Presutto, Castellone, Puglia “Questa condizione di abbandono ha fatto diventare questo sito un luogo non presidiato di raccolta di scarichi reflui e spazio di sversamento abusivo di rifiuti solidi nei terreni limitrofi. I residenti nei territori contigui riferiscono frequentemente di condizioni, che peggiorano sensibilmente a ogni pioggia di medio-alta intensità, in quanto le acque ristagnanti in queste vasche si riversano nei territori a valle arrivando fino a Scafati, dunque finendo nel letto del fiume Sarno e inquinando anche numerosi campi coltivati nonché creando un potenziale rischio per la salute dei cittadini oltre che per l’ambiente. Lo scorso 5 gennaio 2019 la prima firmataria del presente atto di sindacato ispettivo, insieme alle deputate Virginia Villani, Silvana Nappi e al consigliere regionale Luigi Cirilllo, ha effettuato una serie di sopralluoghi sul territorio dove insistono le vasche Pianillo e Fornillo e sull’aree poste nelle immediate vicinanze, constatando il forte degrado ambientale, sia delle acque presenti in queste vasche, che lo scempio ambientale presente nei terreni vicini, invasi da rifiuti speciali e non; molti di questi rifiuti sono stati nel passato oggetto di incendi, con tutto ciò che ne consegue in termini di inquinamento atmosferico; il mix di elementi inquinanti descritto rappresenta un pericolo per la salute dei cittadini del bacino idrografico del Sarno, del parco nazionale del Vesuvio e dell’ecosistema”. Quindi la senatrice Angrisani chiede di sapere “se i Ministri siano a conoscenza della situazione registrata personalmente dai parlamentari e quali azioni ritengano intraprendere per accelerare il risanamento e il disinquinamento delle vasche, nonché per la rimozione dei rifiuti solidi accumulati ai margini delle strade di accesso dei terreni limitrofi, a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente”.