Campania – Conte resiste, no chiusura, ma invia l’esercito

A palazzo Chigi per tutta la giornata di ieri il premier Conte ha riunito i capidelegazione della maggioranza.  «Lavoriamo per evitare un lockdown generalizzato», ribadisce il premier. Resta dunque in vigore il Dpcm del 3 novembre, con la divisione dell’Italia in fasce di rischio.

VENERDÌ SI DECIDERA’

Si esamineranno i dati della prima settimana di novembre, gli ispettori inviati a Napoli dal ministro della Salute Speranza insieme ai Nas dei carabinieri stanno mettendo insieme  informazioni per verificare la situazione negli ospedali. Il Ministro, non ha ancora deciso per la nuova ordinanza che interesserà la Campania, “ovvero”, l’eventuale passaggio dalla zona gialla ad arancione o zona rossa, tutto si deciderà presumibilmente venerdì 13.

CONTE RESISTE – NO AL LOCKDOWN IN CAMPANIA ARRIVA L’ESERCITO

Nel frattempo il governo ha deciso di inviare l’esercito a Napoli per allestire ospedali da campo: impegnati 250 militari. Conte ha chiesto al capo della Protezione civile Borrelli di allestire altri Covid hotel in città.

Luigi de Magistris annuncia un provvedimento ampio per evitare affollamenti nelle zone prese di mira nei weekend come parchi, piazze e spiagge.