Boscoreale today. Mancano i vigili? Niente paura, c’è Mimì

Boscoreale today. I fatti di martedì 30 giugno 

Mimì vigile abusivo al servizio della città

L’automobilista autore del rally in Piazza Pace nella giornata di ieri Piazza Pace sta facendo parlare tutta la città di Boscoreale dopo l’articolo e le foto pubblicate da MediaNews24. Ciò che è accaduto dipende non solo dalla incapacità di gestire il traffico da parte di qualche ausiliario, ma dalla mancanza concreta di personale. 

Boscoreale purtroppo non ha vigili urbani, il comandante Carmine Bucciero lotta tutti i giorni per garantire il minimo ordinario. Di fatto però è quasi impossibile. In servizio ci sono 13 vigili e 6 ausiliari, tra ferie, malattie e congedi  il numero dei lavoratori in servizio si riduce a 2 o 3 incluso il comandante. Ma la città ha un vasto territorio e il corpo di polizia municipale è troppo esiguo.

Per questo un cittadino boschese Domenico Cirillo, meglio conosciuto come Mimí o’ Chiacchiaron, ha deciso di “collaborare” con la polizia municipale. Armato di fischietto, controlla la parte alta di piazza Pace dove spesso le auto si fermano impedendo il normale fluire del traffico. 

Mimí è conosciuto per la sua comicità innata, tant’è che da anni recita nella compagnia teatrale Gruppo 2000 di Rosa Acanfora. 

Ha iniziato da piccolo a muovere i passi nel mondo del teatro e della fotografia. Ha continuato a recitare per diletto divertendo al teatro e non solo. 

Mimí, come tanti cittadini di Boscoreale, si fa portavoce dei problemi della città ed il suo ‘collaborare’ con i vigili urbani è espressione di un malcontento diffuso sulla questione controlli e traffico. La genialità di Mimì è straordinaria. Infatti, appena un’auto parcheggia in doppia fila o davanti a un passo carrabile soffia nel suo fischietto e spaventati, gli automobilisti incivili, scappano via alla ricerca di un posto dove è consentita la sosta.

Silenzio su Tosap-Cosap

Diverso il malcontento degli esercenti di Piazza Pace si fonda sul non avere notizie sul pagamento della Cosap/Tosap, la tassa comunale per l’occupazione del suolo pubblico. Nel DL n. 34 /2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 19 maggio. L’articolo 181 prevede l’esonero parziale dal pagamento di Tosap e Cosap da parte delle imprese di pubblico esercizio titolari di concessioni o di autorizzazione concernenti l’utilizzo di suolo pubblico.

La finalità del dispositivo di legge, chiaramente di natura emergenziale, temporanea ed eccezionale (dal 1 maggio al 31 ottobre) , ha la duplice finalità di favorire la ripresa delle attività economiche sospese con il DPCM del 10 Aprile 2020, che a decorrere dal 18 maggio hanno potuto riaprire i propri esercizi commerciali, nonché di favorire il rispetto delle misure di distanziamento connesse all’emergenza da Covid-19 stabilite dal Governo nel succitato Dpcm. Per il ristoro ai comuni delle minori entrate derivanti dall’applicazione della presente norma, è istituito, nello stato di previsione del Ministero dell’interno, un fondo con una dotazione di 127, 5 milioni di euro per l’anno 2020. La copertura riguarda solo i mancati introiti Cosap/Tosap per le concessioni già in essere, per le quali, evidentemente l’esonero dal pagamento determina una minore entrata per i comuni. Dalla casa comunale non sono arrivate notizie al riguardo e con l’inizio dell’estate per i bar e le paninoteche, la possibilità di mettere tavoli e sedie sarebbe una buona occasione per incrementare le entrate. 

Boscoreale fuori dal Covid-19

Oggi il sindaco Antonio Diplomatico ha dato alla città una bella notizia. 

“Con la guarigione dell’ultimo cittadino positivo al Coronavirus, la nostra comunità torna ad essere città con zero casi di Covid-19. Ringrazio i boschesi per l’attenzione prestata in questi lunghi mesi di sofferenza. Invito a non abbassare la guardia, e a continuare ad applicare le buone pratiche, rispettando le regole per contenere il contagio, perché è bene ribadirlo il Covid-19 non è ancora debellato”.

Alina Cescofra