Boscoreale Today. La città ‘dorme’, la Gori pure

Boscoreale Today. I fatti di martedì 2 giugno 

I numeri della fase-2 a Boscoreale

Diramato in mattinata il bollettino relativo ai casi di Covid-19. A Boscoreale resta sempre un positivo e i guariti in totale sono 9. Però, sono 5 le persone in attesa di tampone, mentre in 16 sono in quarantena fiduciaria. Altri 3 sono stati a contatto con persone risultate positive al Coronavirus.

La festa della Repubblica

Oggi, 2 giugno, ricorre il 74esimo anniversario della Repubblica Italiana. A Boscoreale la festa è passata quasi  sottobanco. Non ci sono stati eventi, manifestazioni o iniziative. Dalla casa comunale è arrivato  un saluto da parte del sindaco Antonio Diplomatico, oltre alla bandiera affissa al balcone dell’ufficio del primo cittadino. Sono stati  questi gli unici segnali di una ricorrenza che in questo momento avrebbe acquistato un sapore diverso. Un sapore di speranza e di rinascita dopo mesi trascorsi nell’incertezza e nella paura. Una celebrazione mai avvenuta insomma. Un vero peccato, perché ancora una volta le istituzioni cittadine di Boscoreale hanno dimostrato che probabilmente le feste si celebrano con un salto in pasticceria prima di pranzo. Siano esse civili o religiose.

Una Boscoreale silenziosa

Il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella può essere riassunto in poche parole: “La festa della Repubblica sia per noi il momento per ripartire”. A Boscoreale lo spirito della ripartenza oggi dorme. E’ un giorno di festa che avrebbe potuto garantire un po’ di vita in città, la prima occasione per le famiglie di uscire con i bambini e per i ragazzini di ricominciare a stare con gli amici. Di fatto è tutto chiuso. Aperto qualche negozio di alimentari, di abbigliamento, ma chiusi alcuni bar. La condizione economica in cui versano gli italiani non permette grandi cose, ma ora che si può tornare a sedersi ai tavolini dei bar e gustare un  caffè in compagnia, il peso delle chiusure è maggiore.

La città dorme, la Gori pure

Nonostante l’evidente e continua perdita di acqua dal manto stradale in via Sottotenente Ernesto Cirillo, non ci sono stati interventi da parte della Gori. In realtà non c’è stato il minimo interesse nemmeno da parte dell’amministrazione comunale. Magari è un giorno di festa e non si lavora. Non resta altro che aspettare, con la speranza che questo problema venga almeno notato domani. Lo spreco di acqua è notevole, nel manto stradale si è aperta una fessura e il danno potrebbe essere maggiore perché a 20 centimetri c’è una cassetta della Telecom. È la dimostrazione che il sindaco ben presto dovrà affrontare il problema dell’ufficio tecnico. 

Alina Cescofra