Boscoreale – Terzigno. Il Grims Cafè regala Maradona ai tifosi azzurri

7

Una settimana segnata da un evento che resterà indelebile per tutti.
La morte di Maradona ha sconvolto e travolto gli animi dei tanti tifosi azzurri a Boscoreale.

Le bacheche dei social si sono colorate di azzurro. Foto e video hanno suscitato una malinconica tristezza nei cuori di tutti.
Non è strano vedere sciarpe e cappellini, con il numero 10, indossati da grandi e piccoli per ricordare il Pibe de Oro.
Per Maradona sono saltate tutte le norme anti – contagio.
Perché Diego era uno di famiglia e andava onorato.

L’arte è il mezzo attraverso il quale si resta eterni

Luigi De Falco, giovane e talentuoso tatuatore boschese, ha messo la sua arte al servizio dell’eternità
All’esterno del Grims Cafe’, dei fratelli Grimaldi, è apparso un volto noto a tutti.
Con l’utilizzo della sola vernice nera lo sguardo di Diego Armando Maradona accoglierà e accompagnerà i clienti del Grims durante le loro soste.

Un murale che si aggiunge a quelli di Napoli e San Giovanni a Teduccio.

Il murale a pochi passi da Piazza Del Plebiscito, nei Quartieri Spagnol, risale al 1990 anno del secondo scudetto.
Qui un giovane artista Mario Filardi, ritrasse il numero 10 del Napoli mentre tirava un calcio al pallone.

L’altro murale, quello di San Giovanni a Teduccio, rappresenta un Maradona non più calciatore ma allenatore in Argentina.
Qui Jorit, street artist, conosciuto in tutto il mondo l’ha reso eterno in una raffigurazione tra le più grandi al mondo.

Un omaggio, un saluto al dio del calcio che l’arte renderà eterno.

Alina Cescofra