Boscoreale. Scuola Cangemi, consiglio d’istituto scavalcato

Di Alina Cescofra

Sono circa vent’anni che il Primo Circolo di Boscoreale “Francesco Cangemi” oggi Istituto Comprensivo, aspettava un restyling totale, per l’adeguamento strutturale e sismico. 

Finalmente dopo anni di dubbi, incertezze e notizie approssimative i lavori sono iniziati.

Attualmente l’edificio di via Francesco Cangemi è un cantiere a cielo aperto, difficilmente accessibile ed impraticabile, ma l’inizio dell’ anno scolastico è vicino e bisogna risolvere il problema della dislocazione delle aule.

Ed ecco che l’entusiasmo per l’inizio di una nuova vita per il Primo Circolo viene sostituito dalla preoccupazione dei genitori e degli alunni sulla destinazione delle classi di appartenenza. 

Il trasferimento degli alunni è stato uno dei punti all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio d’ Istituto del 24 Luglio, il quale si era concluso con una delibera che prevedeva di approvare lo schema di dislocazione delle classi approvato dalla dirigente scolastica Carmen Guarracino in base al cronoprogramma dei lavori e formalizzare la richiesta al Comune di poter utilizzare 7 classi della scuola media Dati. 

Lo schema prevedeva: il trasferimento delle classi della scuola dell’infanzia, sezione antimeridiana più le classi prime della primaria nella struttura di Via Giovanni De Falco, le classi seconde della primaria a  Santa Maria Salome e solo nella seconda fase dei lavori lì dove fosse stato necessario di altre classi della Cangemi alla Dati. 

È di oggi pomeriggio però il comunicato stampa che rende noto l’esito di un incontro avvenuto fra il  sindaco Antonio Diplomatico, i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi 1° Cangemi, Carmen Guarracino, e 2° Dati, Pasqualina Del Sorbo, la consigliera delegata all’istruzione, Adriana De Falco e il caposettore edilizia scolastica, Sergio de Prisco per concordare proprio l’utilizzo di altre strutture scolastiche. 

Sull’esito della riunione, il sindaco Antonio Diplomatico informa: “Abbiamo stabilito di utilizzare sette aule del plesso scolastico Dati in via Papa Giovanni XXIII, dove saranno allocate altrettante classi di scuola secondaria di primo grado del plesso Cangemi.

Cinque classi di seconda primaria del plesso Cangemi, invece, saranno allocate presso il plesso di Santa Maria Salome. Ci siamo riservati – aggiunge il sindaco – di verificare alcuni aspetti tecnici per l’utilizzo anche di una parte della struttura di via Giovanni De Falco dove potrebbero essere allocate altre classi. Le parti sono tutte soddisfatte di come si stanno svolgendo i lavori – conclude il sindaco Diplomatico – e a breve si provvederà al trasferimento delle suppellettili per consentire d’iniziare l’anno scolastico con i minori disagi possibili”.

Si potrebbe dire che il problema sia stato risolto, almeno dal punto di vista tecnico organizzativo,  la vera difficoltà sarà ora gestire le reazioni e gli umori di piccoli e grandi, ovvero di alunni e genitori. 

Si sentiranno come degli ospiti, magari poco graditi, che si sono visti sottrarre la propria casa e la propria tranquillità per la realizzazione di un’opera che per quanto voluta non desiderata al punto di essere ” sfrattati”. 

Inoltre questo cambio di rotta non è stato approvato né comunicato ai membri del consiglio d’Istituto, i quali si sentono privati del proprio potere decisionale e, perché no, resi superflui da chi invece di godersi le vacanze estive ha lavorato di nascosto per soddisfare le proprie esigenze. 

La speranza è che i lavori giungano presto alla fine e l’ordine torni sovrano tra le mura della scuola più antica e più importante della città.

Speranza di difficile realizzazione visto il clima che si è creato in seguito a questo incontro.