Boscoreale. Progetti e speranze in una città nel caos politico

Creset consiglio comunale boscoreale

di Alina Cescofra

Alla scadere dei 20 giorni dalla presentazione delle dimissioni, il sindaco di Boscoreale, Antonio Diplomatico, non si ferma e non ferma la macchina comunale.

Il 2 dicembre è la data ultima e il nuovo gruppo politico di FI continua a spingere affinché i patti conclusi al momento dell’insediamento del primo cittadino non vengano rispettati.
Ma Diplomatico è un uomo di parola e gli “impegni li vuole mantenere” .

Per lunedì 30 novembre alle ore 12:00 ha chiesto al presidente Antonio Di Somma, di convocare il consiglio comunale. All’ordine del giorno ci sono argomenti che come ha spiegato il sindaco: “Sono necessari per l’ equilibrio delle casse comunali” .

Sono giorni impegnativi per l’amministrazione comunale.
Proprio ieri il Presidente dei revisori dei conti ha approvato le variazioni di assestamento del bilancio per l’esercizio 2020.

  • Sempre nella giornata di ieri il caposettore dell’Ufficio Tecnico, Sergio Di Prisco, ancora assente ha firmato l’approvazione di importanti finanziamenti dalla Città Metropolitana.
    Nello specifico sono stanziati: circa 700mila euro per il rifacimento di via Parrelle, 300mila euro per l’installazione delle telecamere per la videosorveglianza e 1milione di euro per il campo sportivo di Villa Regina.
    E proprio il campo che si trova, in realtà, nel Piano Napoli di via Settetermini, luogo malfamato e rifugio per tossicodipendenti, potrebbe essere la vera risorsa per una città che sta vivendo allo sbando, dove non ci sono sogni ma tante speranze.