Boscoreale. Il comandante Bucciero a Nocera, arriva Sansone

di Alina Cescofra

Carmine Bucciero svolgerà domani il suo ultimo giorno di lavoro in qualità di comandante della Polizia Municipale di Boscoreale. Ad avvicendarlo, da martedì, sarà Giovanni Sansone attuale vicecomandante a Gragnano. 

Boscoreale perde così il comandante che nel 2020, con il suo lavoro, ha ridato professionalità ai vigili urbani. Un lavoro che sembrava impossibile per le difficoltà oggettive, ma che ha visto il Maggiore essere una delle persone che più di tutte ha segnato una svolta nella comunità cittadina.

Il sindaco Antonio Diplomatico lo annunciò dicendo. “Da oggi, si scrive una nuova pagina nella storia della polizia municipale di questa città” . Era il 21 febbraio scorso. Mai parole furono più profetiche dopo la gestione di Vincenzo Aiello. 

Bucciero aveva l’incarico fino al 31 dicembre, ma passerà a guidare il comando di Nocera Inferiore, una città molto più impegnativa di Boscoreale. Prenderà il posto di  Giovanni Forgione.

Il comandante Bucciero, laureato in giurisprudenza, abilitato alla professione di avvocato e docente alla scuola regionale di polizia municipale, è un predestinato nella città di Nocera Inferiore.

“Ho partecipato a una prima selezione a Nocera nel dicembre scorso. Nel frattempo assumendo l’incarico a Boscoreale ho dovuto rinunciare a trasferirmi nella città dell’Agro. Avevo dato la mia parola che sarei andato via solo dopo che sarebbe stato trovato il sostituto”.

Un addio, quello di Bucciero, che lascia un po’ di amaro in bocca. E’ un saluto che sa di Benvenuto al Sud. Arrivato tra la diffidenza generale, Bucciero ha conquistato i suoi uomini e poi la città. Linearità, trasparenza, senso del dovere.

 Al Comando di Polizia Municipale non c’era neanche un secondo bagno funzionale per il personale femminile (che purtroppo non c’è), va via che c’è un videocitofono. Anzi, va via dopo l’istituzione di uno sportello per la cittadinanza. Dopo che nel lockdown un signore anziano occupava il tempo andando a chiedere informazioni e autocertificazioni. 

Una competenza indiscussa, come la sua umanità. Perdere Bucciero è per Boscoreale perdere un ufficiale di polizia municipale di grande valore e dai grandi valori.

Insieme ai suoi uomini, che ha sempre difeso facendo da parafulmine in più situazioni, Bucciero ha affrontato il primo lockdown. Erano pochi e con mezzi di fortuna, ma sempre disposti ad aiutare, al servizio del cittadino. A breve altri 3 vigili andranno in pensione, ciò nonostante hanno garantito i servizi essenziali in un clima di collaborazione e rispetto reciproco. Perché il comandante li ha conquistati. E’ stato una guida, anche se più giovane dei vigili e degli ausiliari.

Un passaggio di consegne non ancora ufficiale, ma sarà lui a dare le chiavi dell’ufficio a Giovanni Sansone. Una forma di collaborazione e di rispetto, quella che Bucciero all’arrivo non ha trovato. Ma è andato avanti, lavorando, anche tra le critiche di qualche politico poco informato sulla reale situazione del Comando. 

“Sono stati nove mesi intensi e complessi. Alle difficoltà dovute alle note carenze di organico e risorse si è aggiunta l’emergenza Covid-19 che ha inciso profondamente sulla possibilità di ottimizzare i servizi di polizia municipale offerti alla comunità”. 

E’ arrivato a febbraio in una situazione di disorganizzazione evidente. Lascia dopo risultati incredibili ottenuti in pochi mesi. “Ho trovato una città che mi ha accolto con speranza ed aspettative ed a cui spero di aver restituito almeno in parte l’affetto e la stima che ha dimostrato nei miei confronti, specie oggi che la saluto”. 

E’ l’ora dei saluti. Carmine Bucciero guiderà un comando di Polizia Municipale formato da circa 40 unità. In un città che è il doppio rispetto a Boscoreale e che ha esigenze differenti e impellenti. Sarà all’altezza del compito. “Ringrazio tutti, in primis i miei collaboratori che mai hanno fatto mancare il loro appoggio professionale e personale. Il Sindaco e gli amministratori comunali che hanno avuto fiducia in me, affidandomi un incarico così importante, ma anche i dipendenti comunali, la segretaria ed i caposettore.  Un grazie anche agli organi di stampa che hanno dato visibilità alle molteplici attività svolte, ma anche alle voci di dissenso che sono state invece stimolo per cercare di migliorare”.

Forse cadrà una lacrima, ma soprattutto resterà il rimpianto di non aver avuto a lungo un comandante come Bucciero. “Nel congedarmi per questo 2020, lascio a Boscoreale un pezzo di cuore e tanti rapporti umani e professionali di cui farò tesoro. Grazie!”. 

Il grazie, se il comandante consente, lo dovrà dire la città a lui.