Boscoreale. Alfonso Longobardi presenta la politica del fare

“Avanti tutta, insieme!”. È questo il motto di Alfonso Longobardi, già consigliere della Regione Campania e nuovamente candidato con la lista De Luca Presidente.
Longobardi è l’unico candidato della lista per la circoscrizione di Napoli e che è ben radicato su di un vasto territorio che comprende Castellammare di Stabia, i Monti Lattari, la Costiera sorrentina e che punta all’area del vesuviano.

Il consigliere uscente ha incontrato i cittadini di Boscoreale, presso il comitato elettorale di via Giovanni Della Rocca, nella sede del Caf Acli di Bruno Cammarota, referente locale del gruppo Sviluppo e Territorio.

La politica del fare

La candidatura di Longobardi nella lista De Luca Presidente non è stata determinata da una rottura con il gruppo Sviluppo e Territorio. Anzi, lo stesso candidato afferma: “Il mio lavoro continuerà con l’appoggio e la collaborazione dei membri di Sviluppo e Territorio. La mia politica resterà quella del fare”. “Purtroppo però – continua il consigliere – il Covid ha impedito la raccolta delle firme per la costituzione della lista”.

La politica del fare di Alfonso Longobardi ha prodotto risultati anche sul territorio boschese.
“E’ terminato, da mesi, l’iter burocratico per l’abbattimento del ponte di via Pompei. L’Eav attende l’avvio ai lavori da parte del sindaco Diplomatico. Una comunicazione che non è arrivata all’ente, sicuramente per motivi di natura politica”.

Un attacco diretto alla politica locale, che condizionata dai tanti ‘Grazie Mario’ (riferiti a Casillo ringraziato pubblicamente in ogni comunicato) ostacola la crescita ed il miglioramento della città che possono arrivare da altre aree politiche. Eppure, con l’abbattimento del ponte, sarebbero tanti i vantaggi, a partire dalla sicurezza per i cittadini passando per la riqualificazione del territorio e il miglioramento della viabilità.

Lavoro, turismo e concorsi pubblici

“Creare lavoro è il primo obiettivo che mi sono posto. La Campania è una terra da valorizzare. La zona vesuviana, che include anche Boscoreale, è ricca di opportunità lavorative. Sbloccando i tanti fondi europei messi a disposizione potremmo incentivare lo sviluppo del turismo enogastronomico ed archeologico, favorendo la formazione di figure professionali attraverso corsi professionali”, dice il candidato. “Le amministrazioni locali – continua Longobardi – devono essere svecchiate. Sarà, per questo, fondamentale sbloccare i concorsi per la pubblica amministrazione”.                                                                            A Boscoreale urge non solo lo svecchiamento del personale, ma è necessario l’arrivo di dirigenti e dipendenti a tempo pieno e non di passaggio, come sta purtroppo avvenendo.

Riqualificazione territoriale e ambiente

Il secondo obiettivo di Longobardi è la tutela ambientale. “Tutelare l’ambiente vuol dire partire dal fondo. Per questo sono previsti, anche per Boscoreale, lavori di rifacimento della rete fognaria e l’installazione di depuratori lì dove è possibile e necessario”.

Abbattimento delle barriere architettoniche

L’impegno del consigliere nelle Politiche Sociali, si esprime da sempre attraverso lavori di abbattimento di quelle strutture che costituiscono ostacoli, non solo fisici. “Abbattere le barriere architettoniche è il passo verso un futuro migliore. Bisogna garantire a tutti le stesse opportunità. Per i fedeli con disabilità motorie, andare in chiesa diventa motivo di disagio. I miei primi interventi sono stati effettuati, proprio, nei luoghi di culto” .

La sanità è per Alfonso Longobardi un argomento che non può essere escluso dai propri obiettivi.”Il mio interesse per la sanità è dimostrato dal lavoro svolto a Gragnano.
L’ospedale gragnanese è diventato un polo di innovazione nell’ambito delle cure epatiche, del tumore al seno e delle terapie del dolore”. “Lo stesso progetto ambizioso – sostiene Longobardi – riguarda l’ospedale di Boscotrecase, punto di riferimento Covid durante la pandemia. L’obiettivo è creare reparti di eccellenza e garantire assistenza medica per tutti”.

L’invito di Longobardi

“Affinché ci siano cambiamenti, è necessario che i cittadini scelgano i propri rappresentanti esprimendo un voto libero. Un voto non condizionato. Un voto di opinione, maturato dall’osservazione delle cose realizzate” .

 

Alina Cescofra