Battipaglia, il ricorso al Tar scatena la bagarre in aula

È stata una seduta di consiglio piuttosto infuocata quella celebratasi ieri nella città di Battipaglia. Consiglieri in aula per discutere di una serie di punti all’ordine del giorno, in ripresa dalla pausa estiva. Chi si aspettava che la seduta si presentasse, da subito, già ben infuocata non si è affatto smentito: poco dopo l’inizio dei lavori, infatti, si è scatenata la bagarre.

Alla base dei dissapori, il ricorso al tar presentato da Gerardo Motta, Gli ingredienti per una querelle, però, c’erano tutti. E infatti, pochi minuti dopo l’inizio dei lavori, si è parlato del ricorso al tar sottoscritto da Gerardo Motta, Enrico Lanaro, Luisa Liguori e Renato Vicinanza. Il documento, stilato dall’avvocato Ferdinando Belmonte, aveva posto l’attenzione su eventuali irregolarità circa la convocazione del consiglio comunale dello scorso 4 agosto, quando in aula si discusse e si approvò lo strumento finanziario.

Ieri, i consiglieri si sono duramente scagliati contro Motta e tutti gli altri, e gli attimi di tensione registrati sono stati molteplici. Una sola la domanda dei più: “vogliono una nuova gestione commissariale per Battipaglia a pochi mesi dalle elezioni?”