Bar Condicio: la campagna elettorale dichiarazione per dichiarazione

“Gli impresentabili in questa campagna elettorale li hanno presentati gli altri; quelli che gridano onestà, onestà, ma che poi non sanno fare pulizia a casa loro”. Così Matteo Renzi al cinema Aurora di Scandicci (Firenze) dove ha aperto la campagna elettorale nel collegio uninominale del Senato. “Mai come in questo momento è stato in mano alle camicie verdi e non ai moderati: io dico, se votate il centrodestra di Berlusconi, state consegnando il governo agli estremisti”. 

“Noi abbiamo mantenuto le nostre promesse. Gli altri non hanno questa credibilità. I programmi elettorali sono importanti se chi ve li propone è credibile, altrimenti non perdete tempo, non leggeteli perché non valgono alcunché”. Lo ha detto il candidato premier Luigi Di Maio a un incontro pubblico del M5s a Scicli, nel Ragusano, invitando Berlusconi e Renzi a “finire di illudere gli italiani”.

“Berlusconi – ha aggiunto il candidato premier del M5s – la ‘flat tax’ l’ha proposta nel 1994 e non l’ha fatta, il ‘Contratto con gli italiani’ del 2001 non l’ha mai osservato. Renzi parla di politiche per la famiglia: ha avuto tre anni, poteva governare bene e invece ha governato per gli affari suoi e per la banca della Boschi”. “Io non ho niente contro di loro – ha sottolineato Di Maio – l’unica cosa che non devono fare è finire di illudere gli italiani. E dobbiamo avere un poco di memoria per non dimenticare quello che hanno fatto questi signori negli ultimi 20 anni e perché tendiamo a fidarci di quello che ci stanno assicurando adesso. Mandateci al governo il 4 marzo, e dal giorno – ha chiosato – dopo cominceremo a realizzare quello che aspettiamo da 30 anni”.

“Sto bene, ho passato delle giornate impegnative e dolorose per le liste, il dolore dipende dalle esclusioni che abbiamo dovuto fare, ma sto bene e da lunedì riprendo la campagna elettorale”, ha detto Silvio Berlusconi a Radio Radio. Già ieri al telefono con l’Ansa aveva smentito le voci sul suo stato di salute.

Secondo voci, non confermate, il presidente di Forza Italia aveva sospeso la campagna elettorale per un affaticamento. “Sto benissimo”, aveva detto rassicurando sul suo buono stato di salute. “Il rapporto con gli alleati è solido – ha detto ancora il Cavaliere – si basa su battaglie comuni, sul buon governo di alcune regioni, non è un’alleanza improvvisata. Certo siamo alleati non siamo un partito unico è naturale che ci siano delle differenze, ma abbiamo condiviso un programma comune sul quale siamo tutti impegnati e tutti crediamo”.