Bando Affitti – Sinistra Italiana, “Il grande BLUFF della Regione Campania” si intervenga

Lo avevamo già ampiamente segnalato che il Bando Affitti legge  431 / 98 annualità 2019 presentava una serie di storture e di difficoltà per i cittadini  a partire  dalla presentazione delle istanze  on line, ben prima dell’ Emergenza  Covid, con procedure non semplici.

Una procedura  tutta accentrata in capo alla Regione  con procedure tortuose.

Dopo le numerose  difficoltà  che hanno incontrato i cittadini, la Regione Campania  ha poi scaricato  tutto sui Comuni per la verifica dei documenti e l’erogazione materiale delle delle risorse economiche duplicando le procedure.

Molti Comuni, su cui la Regione  ha poi scaricato  tutte le procedure  per le misure  per l’emergenza Covid nonostante  tutti gli enti locali siano in affanno, si troveranno ad affrontare  anche dei contenziosi  per l’errata presentazione  dei documenti  e molti aventi diritto potrebbero  trovarsi tra gli esclusi rischiando di creare forti tensioni sociali  tra l’ente  di prossimità  ed i cittadini.

Avrebbe fatto cosa assai intelligente  la Regione  a questo punto se avesse fatto terminare la procedura  del Bando affitti in capo alla Regione, avendo esautorato  i Comuni, delegando ad esempio Acer Campania.

Le risorse economiche  sono totalmente insufficienti , nonostante i proclami della Regione sia esso annualità  2019 che Emergenza Covid.

Le somme ripartite  e distribuite  ai Comuni  sono totalmente insufficienti per dare risposte reali al fabbisogno  degli aventi diritto presenti in graduatoria. A questo  si  aggiunge che i Comuni non hanno rimodulato  gli importi  in misura sufficiente  da poter allargare in modo significativo  la platea dei beneficiari. Mentre qualcuno ancora ride delle battute del Presidente  c’è  chi piange  giacché  pur essendo  legittimamente in graduatoria sa che quel contributo  non lo riceverà mai e a causa di un periodo  drammatico  come l’ Emergenza  Covid  rischierà anche lo sfratto.

Il Presidente  farebbe  bene a scendere  dal suo pulpito da cui lancia proclami  toccando con mano i problemi reali  della parte più  fragile degli abitanti di questa Regione.

Restando invariato lo stato di cose senza che la Regione intervenga, a causa della profonda  scarsità  delle risorse assegnate  tante famiglie  nei prossimi mesi  rischieranno degli sfratti per morosità incolpevole.

Nonostante  i Sindacati  degli inquilini  e noi come organizzazione politica  abbiamo  più volte richiesto  la sostanziale  modifica  degli attuali criteri  di distribuzione  delle risorse  e dei criteri  di accesso  sia al fondo per l’affitto  sia al fondo per la morosità incolpevole  nessun intervento  è stato operato dalla Regione Campania.

Come dover intervenire.

  • Aumentare il fondo per l’ affitto con un cofinanziamento da parte della Regione. Riteniamo assurdo che le uniche risorse distribuite  agli inquilini della Campania siano quello dello stato centrale  senza che la Regione  a differenza  di altre Regioni in Italia  abbia messo un euro ed è  per questo  che il Bando Affitti  era rimasto  fermo al 2015. La Regione  in questi 5 anni non ha mai stanziato  risorse  per il sostegno all’affitto.
  • Far distribuire  direttamente ai Comuni  i fondi a partire dalle procedure  iniziali  essendo  le istituzioni più vicine ai cittadini.
  • Promuovere  accordi  con i Comuni  e le parti sociali, come già  effettuato in altre regioni, per bloccare a monte l’ insorgenza  di sfratti  per morosità  incolpevole  e non come accade ora che si prova ad intervenire quando al cittadino  è  stata notificata  la citazione  di sfratto.

Interventi che nella maggior  parte dei casi, basterebbe  interrogare il segretario  sociale  di ogni Comune, non si è  riusciti a concretizzare  a cause delle  linee  guida  approvate  dalla Regione per il fondo morosità incolpevole  che rendo  quasi  inaccessibili  l’accesso al fondo e lo dimostrano le risorse inutilizzate  che sono state impiegate per finanziare  il bando affitti.

Davvero il più  grande  dei Bluff  quello sul bando affitti.  La Regione intervenga immediatamente per arginare le grandi tensioni che sociali  che ricadranno  sui territori della Campania.