Approvato in Commissione Bilancio alla Camera, il rimborso del concerto saltato

È stato approvato in Commissione Bilancio alla Camera l’emendamento Battelli per il rimborso del biglietto al termine del periodo di validità del voucher emesso per il concerto saltato.

“Bene, un passo avanti contro l’assurda pretesa che siano i consumatori, e non lo Stato, a finanziare le imprese in difficoltà per via dell’emergenza Covid” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Ora, però, tocca a voli e pacchetti turistici. A differenza dei concerti, infatti, che derogano all’art. 1.463 del Codice civile, per il settore turistico non si viola solo una normativa interna ma anche quella europea, cosa illegittima e oggetto di una procedura d’infrazione della Commissione Ue. Quindi, a maggior ragione, il consumatore deve essere lasciato libero di scegliere tra voucher e corrispettivo in denaro, senza se e senza ma” prosegue Dona.

“E’ il il Governo che deve dare ai tour operator contributi a fondo perduto per aiutarli a rimborsare i consumatori, non le famiglie a dover fare le banche per le imprese” conclude Dona.