Antonio De Lieto – IL RITORNO DEL “VIRUS SUICIDA”. Ministro Lamorgese “Batta un colpo”

Riceviamo e pubblichiamo

A Bassano del Grappa (VI) questa mattina, presso il locale Commissariato della
Polizia di Stato si è consumata l’ennesima tragedia: un poliziotto di 58 anni ha
compiuto l’ennesimo estremo gesto, sparandosi con la pistola d’ordinanza.

Il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia LI.SI.PO. Antonio de Lieto
ha dichiarato: “il LI.SI.PO. più volte ha lanciato l’appello al Ministro dell’interno, al
fine di individuare una strategia finalizzata a debellare il “virus suicida” nella
Polizia di Stato. Il LI.SI.PO. – ha continuato de Lieto – ha sempre chiesto ai vertici
del Ministero dell’Interno un pool di psicologi a stretto contatto con gli operatori di
Polizia, in modo tale da intervenire per tempo su qualsiasi situazione sospetta, che
l’appartenente alla Polizia di Stato stia vivendo, assicurando allo stesso modo il
necessario supporto al fine di evitare il verificarsi di qualsiasi atto drammatico.

A tal riguardo il LI.SI.PO. ha tenuto anche una manifestazione al fine di sensibilizzare
ancor più chi è preposto alla risoluzione della delicata problematica. Ad oggi non è
cambiato nulla, il “virus suicidi” la fa sempre più da padrone e il numero delle
perdite nelle file della Polizia di Stato sale sempre più in alto. Signor Ministro
dell’Interno, Troppe mamme, troppe mogli e troppi figli piangono i poliziotti che si
sono suicidati. Signor Ministro Lamorgese “batta un colpo”, faccia l’ultimo sforzo e
trovi la giusta strategia per porre fine a questa “strage silenziosa”. La sicurezza
dei cittadini, signor Ministro, passa necessariamente attraverso la tranquillità
degli operatori di Polizia.

Libero Sindacato di Polizia – SEGRETERIA NAZIONALE
Roma, 30 maggio 2020.