Angri –”Quartiere Alfano”, una zona dimenticata nel tempo!

“Non ci basta ripulire davanti ai nostri negozi il sabato dopo il mercato settimanale e ora dobbiamo anche fare i conti con l’emergenza rifiuti e con sacchi di immondizia che vengono trascinati dal vento davanti ai nostri negozi creando disagi anche per l’accesso dei clienti siamo davvero al paradosso considerato che paghiamo la tassa sui rifiuti che noi stessi siamo costretti a rimuovere!”

Il commento di un commerciante: “Sappiamo che i nostri amministratori sono alle prese con una estenuante battaglia contro la raccolta dei rifiuti ma le condizioni di degrado in questa zona persistono da anni, ci hanno proprio abbandonati e se non ci sono state conseguenze drammatiche fino ad oggi, lo si deve soprattutto alla fortuna considerata l’alta velocità con cui sfrecciano auto e camion. Nessun controllo viene effettuato durante l’arco della giornata per rimettere ordine!”.

Chiediamo che lungo le strade del “Quartiere Alfano”, soprattutto nei pressi delle scuole, o nei pressi di centri di aggregazione come chiesa ed attività commerciali, le strade vengano controllate periodicamente, non solo quando ci verificano spiacevoli episodi”.

Solo nel 2011, con la precedente amministrazione, dopo gli abbattimenti degli alberi furono resi possibili lavori per via Michelangelo e via Leonardo da Vinci, lavori di sistemazione dei marciapiedi e del manto stradale, successivamente altri lavori interessarono viale Europa, via Lazio, via Campia.

Un provvedimento che interessò la segnaletica stradale, 10.500 metri quadrati di asfalto e la rotatoria di via Leonardo da Vinci e l’impianto di nuovi alberi, un progetto per dare slancio all’intera area.

Oggi il “Quartiere Alfano” resta in attesa, in attesa di considerazione da parte dell’attuale sindaco Ferraioli e della sua amministrazione che hanno letteralmente dimenticato questa area della città dover risiedono oltre seimila persone.