Angri. Minacce e molestie all’amante: 49enne finisce a giudizio

Tentò di costringere l’amante a cancellare le tracce della loro relazione. Risponde di minacce e molestie un 49enne di Angri, volto noto in città.
Prima avrebbe molestato la donna con telefonate e messaggi Whatsapp, insistendo affinché l’amante si mettesse in contatto con la moglie per smentire di fatto la loro relazione. La seconda accusa mossa dalla Procura è quella di minaccia. “Fallo e stai zitta..se non lo fai vuol dire che sei stata tu e che pagherai, perché è un reato”. Con queste parole l’uomo si rivolgeva alla vittima, che poi denunciò tutto ai carabinieri. “O fai il tuo dovere o ti faccio vedere cosa combino..non mi conosci”.
Il 49enne è stato citato in giudizio davanti al giudice di Nocera Inferiore.