Anche l’Unisa protagonista della 32a edizione di Futuro Remoto

Anche l’Unisa sarà protagonista della 32a edizione di Futuro Remoto che si terrà a Napoli dall’8 all’11 novembre. Una vera e propria “Festa della Scienza” aperta a tutti e che rappresenta un’ormai consolidata e vivace piattaforma vivente di “social innovation”.

Aree tematiche, laboratori interattivi, science shows, speed dating, workshop, percorsi scientifici nelle maggiori piazze e strade della città. Anche l’Unisa sarà presente con i suoi Spin-Off al Villaggio della Scienza. Tutte le attività del Villaggio sono hands on, basate sull’interattività e sulla possibilità per i visitatori di toccare “con mano” i fenomeni scientifici e di scoprire le frontiere della ricerca scientifica, filosofia alla base del successo di Città della Scienza e dei science centre di tutto il mondo.

Anche quest’anno, nella cornice della “Festa della Scienza”, l’Ateneo di Salerno mostrerà il proprio contributo al processo di innovazione scientifica, tecnologica e culturale del Paese, processo che quest’anno in “Futuro Remoto” prende il nome di “Ri-Generazione”.

Al Villaggio della Scienza, nel padiglione UNISA, saranno presentati alcuni esempi di questa “connessione interdisciplinare”, che è connaturale alla dimensione del Campus universitario salernitano. Saranno illustrati al pubblico i progetti nati dall’interazione tra archeologia ed internet of things, tra patrimonio culturale e informatica; tra ingegneria meccanica e medicina; tra intelligenza artificiale e attività più elementari dell’uomo; tra chimica, tecnologia, ambiente ed energie rinnovabili; tra matematica e sostenibilità ambientale.

L’evento inaugurale di FUTURO REMOTO 2018 si terrà l’8 novembre, alle ore 9.30, in Sala Newton, con il titolo: “Tre generazioni diverse si confrontano sugli aspetti più innovativi della robotica”. L’Ateneo prenderà parte a questa inaugurazione e al successivo evento- spettacolo “LO SHOW DEI ROBOT”, con il panel “La Robotica Cognitiva nel Laboratorio di Macchine Intelligenti (MIVIA Lab) dell’Università di Salerno”, e la partecipazione del robot “Pepper”.

Ecco i progetti UNISA presenti a Futuro Remoto 2018 | Ri-generazioni:

Ri-Generiamo l’Ambiente Costruito ed il Patrimonio Storico-Architettonico: rigenerare il patrimonio edilizio mediante sistemi innovativi di monitoraggio della risposta in sito e sistemi di protezione sismica di nuova generazione.

– Generare Salute Ri-Generando l’ambiente: metodologie e tecnologie per la Ri-generazione de gli scarti dell’industria alimentare e la Ri-generazione dell’ambiente.

– ENCORE – ENgaging Content Object for Reuse and Exploitation of cultural resources: sistema tecnologico per la produzione, gestione e diffusione di contenuti digitali in grado di rispondere alle esigenze di coinvolgimento emotivo ed esperienziale dell’utente/turista contemporaneo.

– B.4.M.A.S.S. – Big data For Multi-Agent Specialized System: studio, analisi e definizione di nuovi modelli di intelligenza artificiale destinati all’implementazione di sistemi ibridi e distribuiti in grado di trattare grandi volumi di dati in ambito Customer/Citizen Operation (CO).

– esperiMENTI VERDI: esperimenti basati su materiali facilmente reperibili e metodi a basso impatto ambientale per far luce su problemi e soluzioni possibili per migliorare la qualità della vita sul pianeta Terra.

– e-Teach – Improvement of teaching techniques by eye tracking in technology enhanced classrooms: studio dei movimenti oculari di insegnanti esperti e novizi nell’utilizzo delle tecnologie didattiche attraverso gli eye tracking glasses allo scopo di migliorare le competenze digitali dei docenti.

– MATH FOR LIFE: divulgazione di strumenti matematici di base per la prevenzione dalle azzardopatie e dei fenomeni di indebitamento patologico.

– Industria 4.0 @ UNISA: Generazione, trasformazione e trasferimento delle conoscenze per la quarta rivoluzione industriale.

– Ancient Appia Landscapes: studio delle trasformazioni del paesaggio urbano e rurale di Beneventum con l’obiettivo di verificare ed esaltare gli assetti di questo territorio ancora percepibili nel tessuto attuale

– TechnologyTransfer@UNISA: Trasferimento e valorizzazione della conoscenza per la generazione di impatto economico e sociale.

– Nuovi paradigmi per una mobilità ecosostenibile: Tecnologie energetiche per la transizione verso un’ambiente green & clean.

-Make Your Car a Solar Hybrid: sviluppo e realizzazione di sistema brevettato (HySolarKit) con il quale è possibile trasformare un’auto tradizionale in un veicolo ecologico ibrido solare.