All’Unisa il seminario “Embodiment e Scuola”

Negli ultimi decenni si è avvertita una forte esigenza di riflessione scientifica sul corpo come dispositivo cognitivo, affettivo e relazionale al centro di una convergenza di interessi di diversi ambiti disciplinari che spaziano dalla Filosofia alla Psicologia, dall’Antropologia alla Neurobiologia, dalle Scienze dell’Educazione alla Linguistica. Nel recepire tale istanza di riflessione, il Simposio internazionale “Embodiment e Scuola” si propone come dialogo multi e interdisciplinare sul ruolo del corpo nel favorire i processi di apprendimento, creando un’arena di confronto tra i diversi luoghi formali dell’educazione e della formazione – in particolare la Scuola e l’Università – e la ricerca scientifica, affinché possano confrontarsi alla luce di un’innovativa pluralità di contributi, auspicando che le idee progettuali si traducano in un’azione didattica impregnata di valori educativi.

Il focus del simposio è il processo di apprendimento fortemente associato al processo intenzionale di insegnamento, in una cornice spazio-temporale permeata da dinamiche intra ed interpersonali situate e fortemente incarnate.

Il Simposio si terrà presso l’Università di Salerno (negli spazi dell’Aula Magna, l’Aula Cilento e l’Aula dei Consigli al campus di Fisciano), nei giorni 10 e 11 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 18.30.