Al via la kermesse “Basiliche e Pomodoro” a Cimitile

Da un lato un suggestivo complesso di epoca paleocristiana, con il primo campanile della cristianità. Dall’altro l’oro rosso, prezioso frutto della terra che il mondo ci invidia. Insieme danno vita a “Basiliche e pomodoro”, evento che punta alla valorizzazione delle risorse territoriali, a cominciare proprio dalla cultura e dall’agroalimentare di qualità. A fare da collante saranno i talenti della buona tavola che declineranno in ogni ricetta il “re” delle campagne locali.

La manifestazione, presentata questa mattina in una conferenza stampa nella sede dell’Assessorato regionale al Turismo, si svolgerà a Cimitile nell’ultimo weekend di maggio. Ad organizzare la kermesse è l’associazione “Cimitilesi cittadini del mondo” con il patrocinio dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Di Palma, che ha sostenuto con convinzione il progetto ideato dall’assessore Tommaso Luigi Panagrosso e di cui é direttore artistico lo chef Maurizio De Riggi.

“Con Basiliche e pomodoro – ha sottolineato invece il sindaco di Cimitile Francesco Di Palma – perseguiamo l’obiettivo di mettere in rete tutto il bello ed il buono del nostro territorio perché é solo creando una filiera che si può praticare uno sviluppo duraturo e non frammentato”.

“Il pomodoro – ha concluso l’assessore regionale al Turismo – é un punto di forza per il territorio così come lo sono le basiliche. Occorre continuare a lavorare come stiamo facendo per legare le radici del territorio ad un itinerario di più ampio respiro che, coinvolgendo anche altre aree della Regione possa far crescere l’intera Campania”.