Agro Solidale, chiede la restituzioni dei soldi ai finti poveri

Agro Solidale chiede la restituzione dei soldi da tutti i soggetti che hanno usufruito di prestazioni sociali agevolate ma che non gli spettavano, a seguito di false dichiarazioni. La determina, a firma del direttore dell’azienda Porfidio Monda, “prende atto delle risultanze del procedimento di controllo effettuato dal Comando Generale Guardia di Finanza – Compagnia Scafati – di cui alla nota prot. n. 6175 in data 04/06/2019, nei confronti dei soggetti, quali beneficiari di prestazioni sociali agevolate non spettanti, a seguito di false dichiarazioni; di dare atto che i soggetti, per i motivi indicati in premessa, decadono dal beneficio conseguito, ovvero dal contributo percepito per il tirocinio formativo e indi dall’attività di tirocinio formativo. I soggetti, quindi, dovranno provvedere alla restituzione delle somme percepite e alle sanzioni amministrative di cui all’art. 38 della L. 122/2010, effettuando apposito versamento presso il conto corrente dell’Azienda. L’entrata dell’importo è di euro 51.543,75, sul capitolo di entrata 111 “compartecipazione utenti privati – altre entrate e recuperi eventuali” cod. Macroaggr. 2.01.02.01.000. In caso di mancato pagamento delle somme , nei termini prescritti, la pratica verrà affidata, senza ulteriore avviso, al consulente legale di quest’Azienda, che procederà al recupero del credito, secondo i termini di legge”.