Agro. Agli uffici postali, si fa fila all’esterno

Un appuntamento fisso quello con il primo del mese, lo sanno bene i cittadini di Pagani e Nocera Inferiore che per scadenze o pagamenti si ritrovano alle prese con lunghe code negli uffici postali. Se però la fila si sposta forzatamente in strada dove sole e temperature vertiginose non risparmiano nessuno, qualcosa non va come dovrebbe. Le foto parlano chiaro già di primo mattino tutti pronti su quello che si potrebbe ribattezzare “il marciapiede d’attesa”. Si può entrare preferibilmente due alla volta o, in casi estremi, a piccoli gruppi di cinque o sei , dando la precedenza alle persone diversamente abili. Una scelta discutibile ma che a dire dei clienti, storici frequentatori, risalirebbe ad un passato di calca e risse motivo di disordini all’intero.